Tra prima e dopo

novembre 3, 2008

Hamilton si laurea campione del mondo in F1, Obama trepida per il giorno dei giorni

foto liberatamente tratta da internet

Non voglio apparire come un dicotomico razziale, assolutamente. Però mi va di cavalcare l’onda per un pò e fare delle analogie fuori luogo. Quì so di poterlo fare.

The day after

A Felipe Massa proprio non è andata giù. Ha sfiorato l’impresa in casa, nel suo Brasile. Ho sfiorato per un attimo le “ali dell’angelo del focolare” Ferrari, quel Senna che vinse e non c’è più. Questa volta Lewis Hamilton può festeggiare è lui il campione del mondo. Nessuna beffa, appena sfiorata. Ma il duro pilota anglosassone bandiera in spalle può felicemente cantare “We are the champions“. A lui il merito di aver ravvivato uno sport, la F1, troppo schumacherizzata , finalmente caratterizzata da sorpassi e gioco sporco. Purché vinca il pilota e non la macchina. Prova ne è che il gelido Raikkonen quest’anno si è dovuto accontentare di un posto da comprimario. Rivoluzione all’insegna della creatività sulla meccanica.

Un pò come dire del Progresso sul Conservatorismo.

The day before

Barack Obama dopo l’estenuante cavalcata di questi ultimi 2 anni è arrivato alla resa dei conti: l’America sceglierà tra lui o l’ex marines McCain. Un’elezione che ci vede molto da vicino. I Repubblicani al potere, confermerebbo la grande amicizia che vige tra il nostro paese e quello a Stelle strisce. E con i Democratici? Mi dispiace deludere i Veltroniani, che goffamente si crede l’Obama de Trastevere, mentre in realtà è anch’esso un ex comunista. I Democratici americani non sono ciò che ci vogliono far vedere chi in Italia li scimiotta, accaparrandosi anche il medesimo nome e slogan (speriamo per il buon Barack che non abbia lo stesso esito!).

Obama non è sicuro di vincere, prova ne è il video milionario mandato in onda a pochi giorni dal voto: i Democratici, da sempre collegati al AFL – CIO (riduttivamente i sindacati degli states ), paradossalmente sentono mancare l’appoggio proprio della classe operaia che incredibilmente pare essere orientata verso il voto repubblicano o comunque verso l’indecisione assoluta. Obama, che non sa se vincerà o meno, ha speso le ultime ore di campagna elettorale in North Carolina, da sempre feudo dei Repubblicani.

Obama non è Kennedy né Clinton, l’ombra lunga nell’opinione pubblica in USA del “nero comunista” (una sorta di “uomo del male” in quelle latitudini, multietniche ma non troppo!) sembra rosicare ora per ora il suo vantaggio su McCain.

Ieri Obama tifava per Hamilton, perché è consapevole che tenere la testa di una gara non è così semplice per come sembra.

FedMin

Annunci

Tra razzismo e razzismo

ottobre 8, 2008

A proposito del problema Razzismo e Immigrazione, pubblico un articolo dell’ANSA in merito. Mi scuso con i lettori se copio-incollo l’agenzia, ma oggi l’Impiccione va di fretta.

IMMIGRAZIONE:S.SEDE, NO A RAZZISMO E SI’A NUOVE MOSCHEE/ANSA

di Elisa Pinna

(CITTA’ DEL VATICANO, 8 OTT – Nuovo appello del Papa per l’accoglienza degli immigrati: nel messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato che si celebrera’ il prossimo 18 gennaio 2009, Benedetto XVI ha esortato a farsi carico di quanti, ‘in particolare rifugiati e profughi’, si ‘trovano in condizioni difficili e disagiate’.

Nel presentare il testo pontificio in una conferenza stampa, il cardinale Renato Raffaele Martino ha ammonito l’Occidente che il problema dell’immigrazione non si risolve chiudendo le frontiere: i lavoratori stranieri – ha detto in particolare rivolto ai governi europei – non possono essere visti come ‘invasori’, ma come collaboratori, persone umane con tutti i ‘diritti’, compresi quelli religiosi.

E, a questo proposito, l’esponente della Santa Sede si e’ detto favorevole anche all’apertura di nuove moschee in Europa: ‘e’ giusto che si provveda anche alle esigenze religiose’ degli immigrati, ha sottolineato rispondendo ad una domanda sui musulmani costretti a pregare spesso in luoghi non decenti. ‘La Chiesa – ha aggiunto il porporato – non puo’ fare altro che auspicare che la dignita’ umana delle persone sia rispettata, perche’ o residente, o rifugiato o immigrato tutti abbiamo gli stessi diritti, perche’ tutti apparteniamo alla razza umana. I diritti – ha ammonito – non sono una concessione di nessuna autorita”.

‘Sono oltre duecento milioni le persone che vivono fuori dal loro Paese di origine, spinte anche dalla miseria, dalla fame, dalla violenza, dalle guerre, dalle rivalita’ etniche, ma pure dal desiderio di una vita migliore’, ha spiegato il porporato. Si dirigono verso i paesi ricchi e cio’, ha osservato, ‘spiega perche’ l’immigrazione sia vissuta spesso nei Paesi ospitanti come una sorta di ‘invasione’, con ripercussioni negative su questioni di stabilita’ e sicurezza‘.

Martino, presidente del Pontificio consiglio per i migranti e gli itineranti, ha deplorato ‘questo clima di chiusura’ che ‘rende ancora piu’ triste e amara la vicenda umana di molti immigrati, spingendoli altresi’ a condizioni di irregolarita”. Il fenomeno migratorio – ha avvertito – e’ pero’ ‘inarrestabile’: il problema ‘non si risolvera’ chiudendo le frontiere, ma accogliendo, con giusto regolamento, equilibrato e solidale, i flussi migratori da parte degli Stati’.

Ancora piu’ forti le parole di denuncia del segretario dello stesso Dicastero vaticano, mons. Agostino Marchetto, che ha parlato – sempre in conferenza stampa – di ‘discriminazione, xenofobia e razzismo’ nei confronti dell’immigrazione, dei rifugiati e dei profughi. Marchetto si e’ in particolare concentrato sul problema dei profughi e dei richiedenti asilo, denunciando , ancora una volta, come si abbia ‘l’impressione che da anni i rifugiati vengano trattati senza considerazione delle ragioni che li forzano a fuggire’. ‘Cio’ – ha spiegato – si e’ tradotto anche in tentativi di impedire loro l’ingresso nei Paesi di arrivo e nell’adozione di misure destinate a renderlo piu’ difficoltoso’.