Turismatico

ottobre 30, 2008

Scopelliti promoter in Lombardia, dopo il blitz della DDA

Panoramica Reggio Calabria – foto internet

Torno a parlare di Reggio e del suo sindaco, the special one Scopelliti. Nessuna critica, un’algebrica constatazione.

«Reggio Calabria una città da conoscere, un’occasione da non perdere».

Parola di “Peppe il Sindaco“. Leggevo oggi sulla Gazzetta del Sud dell’incontro svolto presso la sede dell’Assindustria lombarda, organizzata da Domenico Durante, reggino purosangue.

«Una città – ha detto Scopelliti – che negli ultimi sette anni ha ormai acquisito una propria identità specifica ed è proiettata a grandi passi verso un cammino di sviluppo virtuoso avviato con il sindaco Italo Falcomatà». Insomma, le condizioni per investire a Reggio Calabria ci sono tutte, come confermato anche dai dati macro-economici illustrati dal presidente della Camera di Commercio, Lucio Dattola, e dall’assessore ai Grandi eventi Antonella Freno che ha parlato di «un’apertura strategica ulteriori iniziative di sistema».

Continua, dunque, il ruolo di primo promoter (oltre che di Primo Cittadino) per Giuseppe Scopelliti, che non perde occasione per esaltare il lavoro svolto in questi anni di “amministrazione” della Città. Non più sola ‘nduja, melanzane e peperoncino, ma una città “turistica”.

Niente da obiettare, se non che le nostre strutture sono lontani anni – luce, per essere speranzosi, dai centri di ricettività illustri di Italia. Però, c’è sempre un però, vallo a spiegare al lumbard di turno che due giorni fa si è visto precipitare “dentro casa” media e forza dell’ordine per l’ennesimo blitz antidroga, questa volta nel bergamasco.

Come riferisce l’AGI, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Brescia su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. L’operazione, iniziata nella notte, ha interessato la zona di confine delle province di Bergamo e Brescia, a nord del lago d’Iseo. Gli arrestati, tutti cittadini italiani, si rifornivano di grossi quantitativi di cocaina da un affiliato alla ‘famiglia Onorato’ legata alla cosca Serraino-Libri, purosangue reggini anche loro.

Che peccato!  Eh sì, perché per quei pochi che non lo sapessero la cara e lontana Lombardia ha rappresentato per i clan un “appoggio pieno e incondizionato” da sempre. Questa volta, Peppe il Dj non è stato il primo a promuovere la nostra “immagine” lassù…

Annunci

Re(d) – evolution

ottobre 10, 2008

foto di repertorio

Per scattare un allarme, ci vuole l’arresto. La massima è corretta, quasi sempre. Così stoppo la palla al volo, l’assist è dell’indagine cosentina sulle 100 donne, alcune delle quali minorenni, altre incinte (e quindi costrette all’aborto), costrette a prostituirsi da una organizzazione malavitosa composta da italiani e romeni.

Come riporta l’ANSA, l’indagine si basa su centinaia di intercettazioni telefoniche ed ambientali dalle quali è emersa la fitta rete di rapporti e complicità tra i componenti dell’organizzazione per lo sfruttamento nell’attività di prostituzione.

Questo il “caso”, questi gli arresti. Alcune reazioni significative ci sono state, su tutte quelle del commissario prefettizio del Comune di Corigliano Calabro, Paola Galeone. Infatti, per la prima volta una città al di sotto di Roma, si vedrà multati di 200 € tutti i “clienti” delle lucciole.

Repliche dicevamo.

Ironia della sorte, proprio ieri durante la conferenza stampa, in merito alle nuove disposizioni comunali, grazie ai poteri che la legge Maroni in ambito di sicurezza, conferisce ai primi cittadini, Giuseppe Scopelliti citava nell’agenda degli interventi proprio il “Contrasto alla prostituzione su strada e tutela della sicurezza urbana “, come riportato dal comunicato del Roto San Giorgio.

Però forse parlare di sorte è alquanto errato, infatti, nella nostra città il fenomeno della prostituzione è in rapida escalation: durante le notti estive della “nuova” Reggio, c’era lavoro davvero per tutti: via del Plebiscito, via Miraglia, via Apollo, tutte intersezioni centrali con il Lungomare Matteotti (altezza Mura Greche) hanno “ospitato” per intere notti le concumbine dall’arte più antica del mondo.

Per non parlare delle zone ormai risapute come Piazza Sant’Agostino o Rione Ferrovieri, luogo di approdo e deriva di clienti e dispensatrici di “bene”. È necessario, dunque, che questo provvedimento non sia disatteso per una Reggio, perla del turismo. Quello “sessuale”, no grazie.

Ai posteri l’ardua sentenza.