Come se non bastasse…

ottobre 2, 2008

”Appare alquanto strano che dinanzi alla preannunciata sospensione della erogazione dei servizi da parte delle aziende di trasporto pubblico locale a partire dal prossimo 7 ottobre, non giunga finora da parte dell’esecutivo regionale alcuna iniziativa per scongiurare tale evento che finirebbe per pesare unicamente sulle spalle di studenti e pendolari che quotidianamente raggiungo i maggiori centri della regione per motivi di studio o per lavoro”. Lo afferma il consigliere di Alleanza Nazionale Franco Morelli, che sull’argomento ha depositato una mozione.

”La Calabria – scrive Morelli – allo stato, sembra l’unica Regione a non avere proceduto alla stipula dei contratti di servizio con le imprese concessionarie, a fronte di una grave crisi finanziaria che sta inginocchiando il settore ed in presenza di una offerta di trasporto che presenta standards qualitativi del tutto inadeguati alla incessante domanda proveniente dal territorio. Nonostante l’incremento di 28 milioni di euro – continua – stanziati nella Finanziaria regionale 2008, finalizzati a promuovere lo sviluppo ed il trasporto pubblico locale e per garantire l’attuale livello dei servizi e recuperare l’inflazione degli anni precedenti, appare ineludibile che da parte del Presidente della Giunta regionale si convochi l’associazione di categoria del trasporto pubblico locale per porre in essere tutte le iniziative utili per scongiurare la paventata sospensione dei servizi di collegamento che paralizzerebbe, con forti disagi per i cittadini, l’intero sistema di trasporto in Calabria”.

Come se non bastassero i disagi per chi deve traghettare da Reggio a Messina con Bluvia, le disfunzioni dei mezzi Fs…e via dicendo.

Et voilà!

(fonte: ADN Kronos, ore 17.05)

Annunci

Bon Voyage

ottobre 1, 2008

Trenitalia che passione!

La ripresa degli studi comporta un rapido ritorno all’esercizio motorio meno avezzo a noi reggini: viaggiare con i mezzi “pubblici”, per antonomasia spostarsi in treno e girovagare per questa o quella stazione di turno. Vista la moria del servizio Bluvia, per la traversata dello Stretto tappa obbligata (ma non per questo “poco” gradita) è Villa San Giovanni. Nel particolare, la stazione cittadina: un vero e proprio snodo cruciale per i pendolari sia in direzione Sicilia (e viceversa) sia per gli abitanti della zona tirrenica che devono spostarsi verso il centro (e viceversa).

In questo blog per l’appunto avevo accennato quanto ho sin da subito notato al mio arrivo in stazione: le mitiche scale mobili, un miraggio per tutti i viaggiatori (soprattutto quelli “appesantiti” dai bagagli), in fase di “rifacimento”.

Stamane mi sono sentito tanto Fabio e Mingo, non perchè sdoppiatami, ma perchè con un fido collega ho iniziato a fare razzia di immagini, che vi mostrerò a breve.

Ecco come oggi 1 Ottobre 2008 si presentano i locali della stazione di Villa S.G., regia via con le immagini:

Ecco il cartello tecnico dei lavori, nella seconda immagine (cerchiata in rosso) la data di consegna dei lavori: 3/10/2008

tutte le foto sono concesse alla diffusione da Sonny Zema

A due giorni dalla consegna, i lavori non sono ancora ultimati, anzi…

Villa San Giovanni, Impiccione Salvaggio a voi la linea. Uah!

ps: forse sono entrato troppo nella parte!? No perchè non vedo le veline


Anno nuovo, problemi antichi

settembre 22, 2008

In origine volevo scrivere di Calcio. Del campionato di Serie A, dei campioni ritrovati, di quelli mai persi. Ma purtroppo oggi ho ripreso con l’andirivieni da Messina, con mezzi di trasporto annessi che mi fanno da compagnia poco desiderata, a dire il vero.

Tanto poco desiderata che oggi la birbante si è messa d’impegno per complicarmi a tutti i costi la vita. Viaggio d’andata raggrumolati in pochi metri quadrati: la mitica “littorina” Roccella Jonica – Rosarno che ospita lavoratori, universitari e studenti.

Arrivo in quel di Villa S.G. e cosa c’è? Lorsignori, i lavori per il rifacimento delle scale mobili binario 1 – 2. Proprio così. Data di consegna 3/10/2008. Vi prometto di aggiornarvi, oggi purtroppo ero sprovvisto di macchina fotografica.

Ma l’apoteosi avviene durante il viaggio di ritorno. Anzi non avviene perchè il viaggio non ha luogo, va in scena l’agonia dei viaggiatori « con i quali ci scusiamo per il disagio », recita come un tormentone lo speaker della stazione. Ben 3 corse soppresse. FS quanto ti amo!

immagine di repertorio

Solo due ore perse in quel di Villa S.G., ridente cittadina poco fuori le mura di Reggio Calabria. Ancor più macabra è l’annuncio reiterato del simpatico vocione all’altoparlante che, con cadenza svizzera (calcolato ogni 6/7 minuti) ripeteva «il treno diretto a Melito P.S. non effettuerà servizio passeggeri».

Risparmio i commenti dei disagiati.