Pellaro: quale futuro per la Socib?

gennaio 31, 2009

Torno a parlare di cronaca strettamente locale.

pubblicato su Strill.it

uno squarcio dall'alto della frazione Bocale (fonte Internet)

uno squarcio dall'alto della frazione Bocale (fonte Internet)

di Federico Minniti – La SOCIB  passa di mano: sarà infatti una cordata greca a gestire a pieno regime la società che vede come fiore ad occhiello lo stabilimento della Coca Cola, sito nella frazione Bocale, a sud del Comune di Reggio Calabria, e questa è una notizia ormai datata. Ma quali saranno le prospettive  per i molti padri di famiglia che lavorano da ormai decenni a pianta stabile presso questa industria? Una domanda che non può cadere nel vuoto né può essere delegata solo ai lavoratori malcapitati in preda allo sconforto. In questa direzione rema anche la minoranza del consiglio di circoscrizione di Pellaro, che attraverso le parole del capogruppo Pasquale Melito chiede a gran voce che si convochi un consiglio che veda come punto all’ordine del giorno il grave problema della SOCIB inerente alle sue ricadute sul mondo del lavoro locale e sull’intera area della Circoscrizione.

« Un urgente consiglio di circoscrizione – prosegue nella nota l’ex presidente Melito – aperto a tutti i cittadini ed a tutte le Forze politiche e Sindacali nel corso del quale istituire una commissione permanente di vigilanza che possa partecipare a qualsiasi tipo di confronto per contrastare con tutti i mezzi l’eventuale smantellamento dello stabilimento della “Coca Cola” di Bocale ».

Forza Italia, Nova Pellaro, Alleanza Nazionale, Pellaro Sviluppo e Gruppo Indipendente sostengono unitariamente di mettere a conoscenza della cittadinanza tutta questo grande problema che investirà il territorio, « poche le realtà industriali che nel corso degli anni dalla loro collocazione hanno dato sempre esempio di cosa significa  “eccellenza “ , connubio di Qualità e Quantità. Una di queste  è lo stabilimento “SOCIB” della Coca Cola situato nel territorio di Bocale di Reggio Calabria, stabilimento fiore all’ occhiello del gruppo per i risultati ottenuti. Troppo spesso nel nostro comune – sostiene Melito – aziende che pur avendo raggiunto questi livelli di eccellenza e, aziende che nel corso degli anni hanno dato soddisfazione e ritorni economici ai proprietari, i quali hanno voluto chiudere per effetto di una becera politica di facile arricchimento personale mettendo in discussione la vita di tantissime famiglie, che hanno contribuito nel corso degli anni a raggiungere i risultati ».

«Cosa ci si può aspettare,quindi, – conclude il capogruppo – da un padrone greco che comprando la SOCIB possa continuare la tradizione di “eccellenza”dello stabilimento di Bocale ? Oggi è necessario unire gli sforzi facendo squadra per tentare di invertire questa tendenza che continua a portare all’ impoverimento dell’intera area pellarese. »


Acqua abbundis

novembre 15, 2008
foto tratta da internet by Peppe Caridi

foto tratta da internet by Peppe Caridi

Torno a parlare della mia città, Reggio Calabria. Non vi affannate tranquilli non vi impantano mica sulla mie solite riflessioni sullo stato di salute di Sua Maestà la ‘ndrangheta per oggi voglio parlare del bizzarro rapporto tra Reggio e la pioggia.

Le cosiddette “bagghiolate” d’acqua che si accaniscono contro la nostra città, incredibile a dirsi creano sin dalle primissime battute delle gravi apprensioni fra i reggini: diciamoci la verità, non siamo proprio abituati. Scatta la corsa all’automobile, anche per i minimi movimenti tutti in macchina. Soprattutto scatta la corsa ai ripari dall’acqua che inonda ogniddove.

Capita dunque che la famigerata SS 106 nel tratto prossimo al centro della città, per l’esattezza tra l’uscita Ravagnese – Saracinello e l’uscita Modena – San Sperato si crei un vero e proprio “pantano” d’acqua, 4 frecce d’obbligo, oltre che un “mare” (non sono mai abbastanza sadico nelle mie battute) di pazienza.

Reggio, per chi non la conoscesse, è una città in salita. No! Non parlo in ottica sociologica, ma in pura visione urbanistica. E come tutte le discese, l’acqua quando abbonda scende che è una bellezza. Così anche le “Bretelle”, uscita Reggio Centro, sembrano simili al Niagara, rapide su cui cavalcano non navi e zattere, ma 4 ruote di diversa matrice.

Altro che disagio idrico! Basta che piova continuamente e con un minimo d’intensità ed è un fenomeno paranormale spostarsi nella città dello Stretto.

A proposito di “Acque Reggine“, oggi ho seguito la conferenza stampa del PD sulla vicenda Corte dei Conti. Ecco la mia versione dei fatti.

Se vi può rassicurare, ora è spuntato un pallido sole. Perplesso osservo la mia giacca ancora bagnaticcia. Umida direi.


Bova Marina: the day after

ottobre 10, 2008

pubblicato su strill.it

Guarda il video in esclusiva dal Cpa:

Volti distesi, un pallone che rimbalza, rotola. Un pò come la sorte degli eritrei, sbarcati ieri sulle rive del litorale jonico reggino, condannati ad un destino da clandestini, lontano dal loro desiderio di rivalsa sociale, che li ha portati a salpare a bordo dell’ennesima “carretta della speranza”.

Donne e bambini, ma soprattutto tanti ragazzi scappati da una guerra civile disconosciuta dai più, hanno preferito avventurarsi in questa « odissea infinita » pur di raggiungere la tanto agognata terra promessa. Uno di loro conosce benissimo l’inglese, dice di essere laureato in Scienze Culturali. Il suo sogno è quello di poter raggiunger Liverpool per proseguire gli studi. Via mare ovviamente, prendere l’aereo non è possibile.

« A good trip, the sea was calm »,  anche la buonasorte si è dimostrata benevola, ma nonostante questo, la notte è stata dura da digerire: ammassati nel peschereccio, le condizioni erano critiche. Poi anche un errore di rotta, « il Gps – continua il giovane eritreo – non ha funzionato al meglio, infatti, l’intezione era quella di arrivare in Sicilia. »

Attorno a lui, giungono altri che ci parlano di ciò che il made in Italy è in Eritrea: « macchina, gomme, motore », la FIAT lì ha ancora il suo fascino. E proprio alle fabbriche puntano questi ragazzotti che però non “sanno” quanto gli è costato questo viaggio, non “vogliono” sottoporsi all’identificazione tramite impronte digitali, « se faremo questo saremo “costretti” a rimanere a lungo in Italia ».

Il Centro d’Accoglienza di Bova è un andirivieni di forze dell’ordine, ambulanze, semplici volontari. Chi è malato, chi è debilitato dal viaggio, chi scalzo cerca « only shoes ». È ora di pranzo, tutti di corsa in palestra: i morsi della fame si fanno sentire, negli occhi la speranza che « the final solution » non sia per loro ostile.

un sentito ringraziamento va a Sonny Zema.


INCHIESTA: "Riqualificazione delle periferie"

settembre 3, 2008

Leggo su Strill.it e riporto testualmente:

Ad illustrare nel dettaglio alcuni dei progetti passati al vaglio dell’Esecutivo di Palazzo San Giorgio, l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Franco Sarica.

Il progetto definitivo sulle opere complementari per la riqualificazione della strada Torrelupo con recupero a verde attrezzato del piazzale Capannina – spiega l’amministratore – assume una particolare importanza nell’ottica della valorizzazione della viabilità intorno al piazzale: oltre ai lavori di pavimentazione, infatti, verrà costruita una rampa di accesso all’arenile che garantirà agli utenti una, senza dubbio, più agevole fruizione della spiaggia. Il tutto, poi, sarà arricchito da elementi di arredo urbano e verde attrezzato. Per quanto concerne gli interventi da effettuare nella circoscrizione in cui ricadono le frazioni di Lume, Campoli, San Filippo e San Giovanni, sono previsti la strada di urbanizzazione denominata Carro e Quattrone nel tratto che va dalla 106 Jonica verso la via Quattronari di San Giovanni, l’ampliamento della traversa di collegamento tra via Grottello e via San Filippo con realizzazione dello svincolo per l’immissione sulla stessa arteria ed un tratto di condotto fognario che collega vico Scordino di Lume all’esistente impianto di depurazione.

La parte evidenziata in grassetto incredibilmente cita delle zone a me molto note per il semplice fatto che si tratta delle vie che devo attraversare per arrivare alla mia abitazione. Questo all’Impiccione Viaggiatore ha destato molta curiosità e un pizzico di impressione.
Impressione sì, perchè si tratta di “latenze” storiche, ossia di sistematici problemi che la cittadinanza segnala, ma che (tranne nel periodo elettorale) pare interessare pochi, se non nessuno. A breve pubblicherò le foto dello stato dell’Arte attuale delle cose, così da renderci conto se MAI queste lavori verranno effettuati, visti che puntualmente tutti i politici (in primis quelli del territorio) li adottano come figli preferiti del loro impegno politico. “…all’estistente impianto di depurazione” mi pare un eccessività, visto che il suddetto impianto riversa in condizioni davvero pessime ed è già stato “vittima” di continue manifestazioni già all’epoca della giuntà Falcomatà.
L’estate sta finendo, iniziano i proclami sulle opere pubbliche (che si faranno???).

Nota dell’Autore:
1) Mi scuso con gli internauti che sono poco pratici della zona, ma visto che ogni volta che mi affaccio dal balcone noto che chi fa informazione è impegnato nel revival dei fratelli Grimm, in favole e favolette. Ogni cosa ha le sue sacrosante ed eccellenti eccezioni ovviamente.

2) Spero alla prossima pubblicazione delle foto di non dover riportare le graziose citazioni dell’ultime foto pubblicate