Detassati dall’I.V.A.? Forse pagando…

ottobre 1, 2008

pubblicato anche su Nuovi Rumori

Si vocifera da un pò di tempo che il Centro Commerciale, sito in San Leo di Pellaro, aprirà i battenti nel prossimo mese di Novembre, proprio alle porte del periodo natalizio da sempre florido per questo tipo di attività.

Ad offuscare l’ottimismo è una notizia che arriva da Roma, per l’esattezza dal Dipartimento Politiche di Sviluppo del Ministero dello Sviluppo economico, che proprio oggi ha comunicato le “22 – fortunate – zone franche urbane”.

In serata l’ANSA ha battuto l’agenzia nella quale il ministro Claudio Scajola in persona ha dato a battesimo la designazione di questi lotti detassati dall’importo IVA all’interno di citta’ grandi, medie e piccole in 11 Regioni avranno diritto inoltre a incentivi e agevolazioni fiscali e previdenziali, per una cifra pari a 50 milioni di euro l’anno, per nuove attivita’ economiche costituite entro il 2009.

”Con l’avvio delle zone franche urbane – commenta in una nota il ministro Claudio Scajola – diamo una significativa risposta al disagio socio-economico delle aree a maggior tasso di disoccupazione. Gli incentivi e le agevolazioni previsti per le zone franche, gia’ sperimentate con successo in Francia e autorizzate dall’Ue, sosterranno la creazione di nuova imprenditorialita’ e fanno parte dei nuovi strumenti normativi per rilanciare l’intervento nel Mezzogiorno e nelle altre aree deboli del Paese. Stiamo gia’ lavorando per estendere questa misura anche oltre il 2009“.

Le 22 ‘zone franche urbane’, selezionate tra 64 proposte sono Catania, Gela, Erice in Sicilia; Crotone, Rossano e Lamezia Terme in Calabria; Matera in Basilicata; Taranto, Lecce e Andria in Puglia; Napoli, Torre Annunziata e Mondragone in Campania; Campobasso in Molise; Cagliari, Quartu Sant’Elena e Iglesias in Sardegna; Velletri e Sora nel Lazio; Pescara in Abruzzo; Massa Carrara in Toscana e Ventimiglia in Liguria. Il provvedimento  sulle zone franche verra’ sottoposto ora alla valutazione del Cipe e successivamente verra’ notificato alla Commissione europea. Si prevede che gli incentivi e le agevolazioni potranno essere concretamente erogati entro la prossima primavera.

Secondo indiscrezioni, tra le 64 proposte pervenute vi era anche la città di Reggio Calabria, che guardacaso aveva avanzato la candidatura delle due zone limitrofe al centro, Catona e Pellaro. Ecco perché questa decisione può scombinare i quadri precostituiti del nuovo Centro Commercia a San Leo.

Nato sotto la buona stella della compiacienza politica, oggi si ritrova spogliato di queste vesti, derubato di ciò che statuariamente gli “toccava”. Di più c’è da dire che proprio in vista dell’apertura imminente, le “pressioni” (le quali più volte documentate da me medesimo, ma non solo!) sul territorio si sono fatte sempre più insistenti.

Oggi la doccia fredda. Non ci resta che piangere, apostroferebbe il grande Massimo Troisi. A San Leo ci stanno facendo l’abitudine…

Ma non confondiamo il Sacro col profano.

FedMin

Annunci

Seria A – 4a Giornata

settembre 24, 2008

Diciamocelo chiaramente: la Reggina meritava di più.

Putroppo il Milan proprio contro gli amaranto ha ripreso la via del cinismo, “dei valori in campo” come si suol dire è ha portato a casa 3 pt utili in proiezione derby.

Saccani grazia Flamini, Pato (non senza colpe di Campagnolo) segna.

Sugli scudi Corradi e Costa autori di una bellissima partita; finalmente positivo anche Barreto che nel trio di centrocampo con Hallfredsson e Carmona (che partita sulle tracce di Kakà) ha fatta tanto e bene. Buono anche il rientro di Brienza e l’esordio di Santos.

La 4a giornata comunque ha riservato alcune sorprese nei risultati finali: la Juventus impatta contro il Catania di Zenga e del suo bomber Plasmati (in gol anche contro l’Inter); la Roma s’inginocchia al Principe Milito e al suo Genoa grande con le grandi.Certo gran protagonista è il guardalinee che sbandiera un fuorigioco da censura: Panucci è in gioco di ben 3 mt.

Perde anche la Fiorentina, in stato confusionale, contro una travolgente Lazio. Continuano il periodo d’oro Napoli e Atalanta, vittoriose rispettivamente con Palermo e Cagliari (salta Allegri?). Torna a vincere l’Udinese che dilaga a Bologna (l’exploit di San Siro rimarrà un caso isolato?) ancora alla ricerca dei primi punti casalinghi. Ancora a secco è la Samp di Mazzarri che impatta in un noiosissimo 0 – 0 a Siena.

L’Inter vince contro il Lecce. Mourinho fa l’ennesima figuraccia da “no special one”, facendo “turnover” anche in sala stampa mandando al macello Beppe Baresi, in grave disagio di fronte alle telecamere. L’allenatore portoghese che vede arranca la sua macchina perfetta contro un Lecce ordinato deve ringraziare Julio Cruz, un fenomeno nell’arte di risolvere le magagne più complesse, certo non scoperto da Mou.

La classifica recita impietosa per la Reggina il penultimo posto con un solo punticino. L’Inter è capolista, nuovamente. Il derby sarà il primo appello di maturità.

Amaranto a Palermo per muovere la classifica. Se po ‘ffa.