Questione di valia…

ottobre 27, 2008

Periodo di stasi questo.

Non me ne voglia il mio lettore accanito che clicca fedele il mio link.

Niente di personale caro mio. Così come niente di personale contro gli arresti calabri di questi giorni, Vuolter versione Nanni Moretti, Silvio versione “ehi, ma parli con me?!”.

Questione di “valia” (cfr. voglia in messinese). A proposito dei cugini dell’altra sponda: noto con piacere che il 1908 è stato per noi reggini un anno positivo, quasi a dire “che culo!”. A loro il terremoto, a noi…pure! Però questo pare essere poco conosciuto agli amici di Poste Italiane che dal 3 novembre metteranno in circolazione l’annullo filatelico in memoria del Terremoto che colpì le due provincie dello Stretto.

Vai col jiingle, regia..

Certo è fastidioso per i morti reggini, per una città che è rinata da quelle macerie oggi non ha il giusto riconoscimento, ma caro cyberlettore è un imprecisione storica. La stessa che porta a dire lo Stretto di Messina e via dicendo. Una cultura la nostra che, per anni e anni, è stata  Messina – centrica, per via dell’Ateneo Universitario.

La verità oggi è che la città peloritana vive ancora uno stallo da “terremotati”, a detta dei suoi stessi cittadini, per nulla “babbi”, e mi riferisco a docenti universitari e studiosi della cultura messinese. Reggio, con i suoi innumerabili difetti, cammina sulle sue gambe.

Non volevo dire niente, è vero. Né sciorinare una tesi campanilistica. Ho semplicemente riportato le mie impressioni su un lavoro universitario in merito al terremoto…”ddi Messina!”

Buon lavoro a tutti!

Annunci