Che bella cosa n’auto blu…

dicembre 1, 2008
Antonio Bassolino (foto Panorama.it)

Antonio Bassolino (foto Panorama.it)

Vengo a prenderti stasera, con la mia auto blu. Popi – popi.

Non è delirio dal gusto retrò, anzi mi perdoni il maestro Giorgio Gaber per l’impavida citazione, con tanto di sommessa modifica. Quale? Aguzzate la vista.  E sì la “torpedo” adesso è divenuta una semplice “auto”.

Semplice? Macché provate per credere ad Antonio Bassolino. Il governatore campano, che ha ingaggiato una strana bagarre col collega Loiero per chi supera il limite della decenza – credibile, si sobbarca 5 milioni di euro l’anno, signori 5 milioni di euro mica mozziconi di sigarette, per pagare “profumatamente” la corazzate di macchine blu con sirena d’ordinanza in groppa.

A svelarlo è Claudio Pappaianni per L’Espresso: gli autisti di Palazzo Santa Lucia percepiscono quell’elemosina di 3 mila euro netti al mese. Se si considera che l’organico ballonzola intorno alle cento unità, beh la Campania non è “solo” sommersa dal caso – rifiuti, ma anche dalle tasche ampliamente bucate dei suoi amministratori.

Non discuto che la frenesia di una città indisciplinata (automobilisticamente parlando) come Napoli debba avere una lauta ricompensa, ma ad onor di cronaca ha del paradossale che questa vera e propria casta debba essere pagata (con i soldi dei contribuenti) più di un funzionario regionale e si garantisca molte più garantigie di tutti gli altri dipendenti.

Da aggiungere che spesso gli autisti sono uomini dell’entourage di politici di primo piano, spesso coinvolti in casi di mixture fra politica e malavita, come Roberto Conte (le cui dimissioni sono state richiesta da Pietro Ciarlo, capogruppo del PD) che pare sia un uomo di Giuseppe Misso. Beh il “figlioccio” del boss proprio in questi giorni pare abbia cambiato autista, nel bel mezzo della protesta di questi.

Nulla di cui meravigliarsi: Ciro Campana, collaboratore esterno del capogruppo dell’IDV Cosimo Silvestro si è comprato autonomamente un’auto blu e si aggirava fra i vicoli del capoluogo campano a sirene spiegate, comodamente seduto affianco ad un tizio “in odore” di camorra. Tutto nei ranghi della normalità.

E chi cercò di smontare questo castello di fantonie e benefici, tale Luigi Anzalone sempre della banda ex PD(S), fu richiamato all’ordine. « Mi fu detto a muso duro: ‘Chi ti credi di essere?’. Poi mi telefonò Bassolino, pensavo volesse dirmi di andare avanti. E, invece, pur se in evidente imbarazzo, mi chiese di fare un passo indietro ».

Certo in Campania il PD non vive di piena salute: il botto – Nungnes è il più evidente e molto probabilmente il più emblematico, ma nella regione dei reggenti della Democrazia Cristiana, vedi lorsignori Ciriaco De Mita e Clemente Mastella, per il partito di Veltroni fare politica pare proprio un’odissea.

C’è chi se la ride.

Riccardo Villari recita il suo rosario meditato, lui sì che in barba ai colleghi conterranei si sta assicurando una poltrona a Bruxelles. Con quale partito, vista la sua espulsione dai Democratici, non è dato a sapersi.

FedMin

Annunci

Re – play di una partita immaginaria

novembre 28, 2008
(foto Internet)

(foto Internet)

Datemi il mio momento di gloria: oltre a bivaccare nella Rete, spesso ricevo degli input naturali che riverso in queste mie colonne libere. Così oggi sento il dovere di pubblicare (sarò mica anch’io soggetto alla par condicio?) una lettera aperta del 26 Novembre 2008 che l’UniMe Ribelle ha indirizzato alla, nientepopòdimenoché, Gazzetta del Sud (ovviamente tacciato come giornale dei potenti!), rea di aver pubblicato lo “sfogo” di una studentessa messinese, iscritta a Legge, che palesava la sua avversione verso i “moti” studenteschi di queste settimane.

Mi sono sentito un pò meno anormale della norma leggendo le parole di “Nancy”, ma oggi voglio lasciare spazio anche a questa replica dura da parte del Movimento Universitario Messinese, sul quale ho già largamente espresso le mie personali opinioni, con tanto di querelle nei commenti.

UNIME RIBELLE

LETTERA APERTA ALLA GAZZETTA DEL SUD DA PARTE DEL MOVIMENTO STUDENTESCO

In relazione all’articolo comparso ieri sul vostro giornale, sentiamo l’esigenza di esprimere quanto segue: se esistono all’interno dell’Ateneo messinese degli “studenti derisi e criminalizzati”, quelli siamo noi: le studentesse e gli studenti che, giorno dopo giorno da più di un mese a questa parte, partecipano attivamente senza ricevere un’adeguata risonanza mediatica, alla lotta per i propri diritti contro la Legge133/08. Ci sembra un atteggiamento puerile quello di chi, come la fantomatica studentessa di giurisprudenza, viene a spiegarci che solo  “standosene a casa chini sui libri” si manifesta la propria presenza e partecipazione democratica nel mondo; che “alla luce del sole” di una lampadina, combattendo “a viso scoperto” nella solitudine del proprio luogo di studio, ci si prenda cura di tematiche vitali come quella del futuro dell’Università italiana (e non solo di quella messinese).

Dov’è  “l’impegno” nella penombra di una stanza chiusa, o tra gli angoli sicuri di una scrivania? Come può manifestarsi un dissenso, come può formarsi una coscienza critica, senza l’incontro dialettico con l’Altro, senza il confronto di una discussione? L’accanimento assolutamente autoreferenziale di Nancy, il suo continuo riferirsi ad una volontà egoistica di studiare e di “migliorare se stessa”, in un momento in cui lo studio, ed il sapere stesso è messo a repentaglio da quell’abominio chiamata legge 133 (che nell’articolo di D’Amico non viene minimamente nominata, come se non stessimo parlando di questo, come se non fosse la minaccia mortale inflitta all’università pubblica ad avere acceso la miccia del movimento studentesco più importante e partecipato degli ultimi decenni), ricorda l’orchestra del Titanic che continua a suonare mentre la nave cola a picco.

(foto Internet)
(foto Internet)

La polemica mossa dalla ragazza rimanda ad un ipocrita linea di continuità di tutta una categoria di studenti che, dietro il luogo comune di una presunta maggioranza studiosa e silenziosa, non si dimostrano diversi dai loro rappresentanti negli organi accademici, giustamente ridicolizzati da tutto il paese. Da un lato gli studenti come Nancy affetti da un improbabile sindrome di Stoccolma, divenuti difensori dei loro carnefici, non si accorgono di essere insieme vittime e complici del clima di decadenza etico morale che ormai da anni si perpetua all’interno del nostro ateneo (ricordiamoci a tal proposito dell’intervento della Commissione Antimafia del 1998). Dall’altro i rappresentanti “istituzionali” che in una situazione paradossale ed ossimorica, non “rappresentano” nulla, se non le loro squallide dinamiche elettorali basate su feste in discoteca e clientele. Tali soggetti, piuttosto che rappresentare l’esigenze degli studenti, preferiscono esprimere solidarietà al magnifico rettore, come avvenuto durante quella anticipazione del Circo Togni che è stata l’assemblea di giorno 21 novembre, una messinscena attuata per mascherare l’incapacità e la mediocrità di chi è riuscito solo a moltiplicare cattedre, a sperperare finanziamenti pubblici, a divenire mecenate di improbabili opere pittoriche ecc. Questi fantasmi non rappresentano la voce di quelle migliaia di studenti che scendendo in piazza tre volte in tre settimane, hanno manifestato il loro dissenso con coraggio e soprattutto senza, a differenza della cara collega di giurisprudenza, rimanere immobili e inermi di fronte a questo smantellamento generale del sapere in Italia. A tutti i ragazzi come Nancy vogliamo dire che il vero impegno significa molto più che sottolineare il Codice Penale o sostenere esami di diritto privato; e che impossibile migliorarsi in mezzo all’indifferenza e al silenzio. La vera “strumentalizzazione” viene attuata dalla censura dei media nei confronti dei ragazzi che portano quotidianamente le loro gambe e le loro facce in piazza, nelle strade, nei locali autogestiti del rettorato, come dimostrato rumorosamente questo fine settimana. A questi ultimi diamo appuntamento a Piazza del Popolo (piazza lo Sardo) venerdì 28 novembre alle ore 17, insieme a tutti i lavoratori e ai precari che intendono ribellarsi alla distruzione dei diritti sociali: trasporti, sanità, istruzione.

Le studentesse e gli studenti di Unime Ribelle

Beh, alcune frasi si commentano da sole: studiare equivale a rimanere nella penombra dell’indifferenza verso il proprio futuro, mentre “sloganteggiare”  fa più figo e fa bene alla salute dell’Istruzione e della Cultura del nostro Paese: avremo ancora tanti e troppi docenti figli di papà, molti e insopportabili idealisti assuefatti dalla morale da rivoluzionari incalliti e pochi seri professionisti che badano al loro mestiere. Ma la mia si sà è una disamina di parte, io faccio parte ci quella penombra che tutto tace, vittima del sistema, che però è vero è diverso da Nancy. Io ogni tanto qualche fesseria dalla bocca me la faccio scappare dalla bocca. Ma condannati siam per manco di voto…


UniMe: che sia l’AnnoZero?

novembre 24, 2008
Il Rettore dell'Università di Messina, Franco Tomasello (foto Internet)

Il Rettore dell'Università degli Studi di Messina, Franco Tomasello, vittima o carnefice del "sistemone"? (foto Internet)

Universitario atipico lo sono. Si tratta di ammenda pubblica, la mia. Però, pur nella mia prosecuzione umanistica degli studi, permane in me un antico fascino della matematica, a rigor di logica concludo dopo che diversi “agenti” sfornano assist. Questione di goleador.

Mi trovo dunque a linkarvi il bel pezzo dell’amico Claudio Cordova, che preventivamente ha informato i cyberlettori (attenti) sulla situazione dell’Università degli Studi di Messina, post e pre AnnoZero. Così soddisfo anche quanto richiestomi nelle “Lettere al Direttore” di questo blog.

Ma, “c’è sempre qualcosa dietro“, ma il mio rigor di logica mi strugge e mi obbliga ad intervenire a tal proposito, rivolgendomi accorato ai cari amici rivoluzionari: l’UniMe versa in condizioni pietose e, con tutta la buona volontà, non mi pare che la colpa sia attribuibile alla Gelmini.

La butto in politica, mi perdonino gli acuti moralizzatori del ∏ periodico.

Il PD ha avviato un’interrogazione parlamentare su Franco Tomasello, magnifico rettore (er superman di via Tommaso Cannizzaro), uomo colto, preparato e indagato. Sottigliezze, diremmo.

AnnoZero, che per intenderci funge da giornale di partito degli scettici a priore, perlopiù dell’Idv (il clerico Travaglio ne è un supporter dichiarato) sputtana la credibilità anche dell’ateneo messinese. Via col vento.

Il Rettore è gonfio e tronfio del suo ruolo ci invade la casella di posta elettronica privata, violata per la prima volta da una persona in giudicato dalle autorità competenti, per chiedere uno scatto emotivo, uno slancio in difesa della nostra cara Università.

Macché. Riporto una citazione cara alla colleganza: “Chi protesta è per l’Università dei Baroni”: buuuuuuuu, fascista, lecchino e chi più ne ha, più ne metta. Facciamoci un giro tra le cattedre? I figli dei padri fedelmente seduti, tutti gli altri giù per terra.

Non è diversa la mappa di Messina, celebre scuola medica e giuridica, dove le due anime accademiche erano entrate in contrasto in seguito al crimine più grave mai accaduto in una facoltà: l’omicidio del gastroenterologo Matteo Bottari, genero dell’allora rettore Guglielmo Stagno d’Alcontres, tutt’ora insoluto dopo nove anni di indagine. Adesso nell’ateneo regna la pace. Non è chiaro quale sia il segreto del successo del magnifico Franco Tomasello, rettore dal 2004 che si ripresenterà alle elezioni il prossimo mese senza avversari. Certo è che il professor di Neurochirurgia in questi tre anni ha saputo ricucire tutti quegli strappi. Sicuramente a non far saltare gli equilibri interni ha contribuito il gran numero di parenti assunti dall’università per tenere buoni medici, economisti, giuristi e veterinari. Per carità, saranno solo fortunate coincidenze che molti dei professori ordinari, associati, ricercatori e assistenti abbiano legami di parentela fin troppo stretti. Nella casata del rettore, per esempio, si registra la moglie come dipendente amministrativa e il figlio Dario con un incarico da associato nel dipartimento di Studi sulla Civiltà Moderna. Toh, in quel dipartimento è ricercatore anche Marco Centorrino, figlio del prorettore Mario, ordinario di Economia. Ovviamente anche nel passato i vertici dell’Ateneo pensavano a casa e famiglia. L’ex rettore Gaetano Silvestri (area diessina), oggi alla Corte Costituzionale, aveva alle sue dipendenze come ordinario di Scienze giuridiche la moglie Marcella Fortino, che è anche cognata del pro rettore Mario Centorrino. Dunque nessuno si sorprenda se a cascata quasi tutte le facoltà di Messina sono infarcite di nuclei familiari, tradizionali o a volte ‘allargati’ alle relazioni non ufficiali. Tra i casi più eclatanti quelli della famiglia Venza-Teti che tra Odontostomatologia, Patologia, Microbiologia e Specialità chirurgiche mette in campo cinque componenti. Particolarissimo il caso di Veterinaria dove su dieci poltrone quattro sono occupate dai Passantino e dai Pugliese.
Resta solo un dubbio: ma è possibile che soltanto i figli e i parenti di baroni in camice bianco abbiano le qualità necessarie per sbaragliare le selezioni?

fonte http://aworkingclass.blogspot.com/

Coincidenze, dicevamo.

Non voglio innalzare un impianto accusatorio nei confronti del Rettore, non è nel mio stile (per nulla travagliano), né il mio ruolo. Vuolsi in questo momento agitare una civile constatazione: cari rivoluzionari, adesso che tutto il “dietrolequinte” è stato svelato (stimo troppo l’intelligenze di un universitario per credere che ne è del tutto sorpreso, datemi questo beneficio del dubbio) non vi sentite un pò traditi da quei stessi docenti che con voi erano in piazza “a fare lezione” o che vi aizzavano (per mantenere le loro di garantigie) alla protesta e che adesso si scudano dietro l’onorabilità dell’Ateneo per di più nascondendosi dietro la spalla di un papà – Rettore indagato e secondo la logica bieca dei giustizialisti (che in una precedente missiva erano accusati dallo stesso Magnifico) da definire “belzebù“?

Oppure anche voi credete che sia tutto una messinscena per degradare l’immagine del prestigioso Ateneo messinese e quindi marcare a fuoco anche i suoi studenti, figli e figliocci, di una politica di parentele e “comparati” (perché in queste latitudini così si chiamano, pardon in quel di Messina, “parrini”)?

Delle due, una. Non è certo una mia intuizione linguistica questa, ne sono debitore al Maestro Indro Montanelli.

Delle due, una: o la protesta era molto political incorrect e quindi perciò faziosa (con ciò non entro nel giudizio se opportuna o meno, a tal proposito ho largamente dibattuto in questo blog e oltre) oppure la protesta era un bel scudo crociato dietro cui ripararsi. Il soggetto della frase è docenti, non discenti.

Delle due, una: o l’Università di Messina rappresenta uno degli esempi (mica L’esempio) di cattiva gestione delle risorse umane ed economiche del nostro Paese oppure è vittima di un’occulta dietrologia, sicuramente identificabile alle lunghe mani di Berlusconi e della P2?

Vi lascio con gloria, magari un pò sprezzante delle regole del buon giornalismo, aspettando di essere subissato dai fischi, forse travolto da un’Onda anomala.

Vai con l’ultima diapositiva…

La lettere che il Magnifico Rettore ha indirizzato a tutti gli studenti dell'Università

(Fed. Min.)


Pd(menoELLE) sull’orlo di una crisi di governo (ombra)

novembre 23, 2008
la poltrona di segretario traballa, decisive le Europee (foto Internet)

la poltrona di segretario traballa, decisive le Europee (foto Internet)

E pensare che un anno fa di questi tempi si celebrava la nascita di una nuova creatura politica, che poteva dare al paese uno nuovo slancio verso il riformismo nel Paese e liberarci dal nemico giurato Berlusconi. Con toni e dialettica “soft”, ironia pungente immancabile, Uolter il condottiero vedeva giorno per giorno materializzarsi il suo sogno, il sogno della Sinistra italia, non più tacciata di essere “comunista”, ma nemmeno traditrice, troppo appiattita sul fronte moderato.

Progressisti, autoconclamati loro. Oggi ha leggere tra le righe c’è qualcuno che rema contro. Personalmente ne sono addolorato, perché anch’io ero rimasto piacevolmente colpito da questa nuova formazione politica che voleva superare i soliti stereotipi dell’antiberlusconismo (per fare un esempio chiaro, la propaganda dell’Idv, partito di liberali schierato a sinistra e che raccoglie consensi degli ex comunisti).

Leggevo oggi sulle colonne del Riformista della dimissione dalla direzione nazionale del Partito Democratico, di Irene Tinagli, una tizia sconosciuta ai più che lavora come consulente per il Dipartimento Affari Economici e Sociali dell’Onu e per la Commissione europea.

“Inneggiare al cambiamento, all’idea di una società e di una politica nuove serve a poco se manca il coraggio di intraprendere fino in fondo le azioni necessarie a realizzare queste idee. Sartre diceva che noi siamo quello che facciamo. Sono le nostre azioni che ci definiscono, stare a discutere su ciò che ci piacerebbe essere serve a poco: la gente ci giudicherà per quello che abbiamo fatto. E di quello porteremo la responsabilità. Per quanto mi riguarda non voglio portare la responsabilità delle scelte che sta facendo questo partito che in larga parte non condivido e sulle quali non ho avuto e non ho possibilità di incidere in alcun modo. Per questo ho deciso di dimettermi”.

Sono stato “tiranno” nel riportare taccagnamente l’ultimo stralcio della lettera aperta della dott.ssa Tinagli. Non sono diventato Caligola tutto d’un colpo, semplicemente ho voluto far permeare tutta la delusione di una persona autorevole su un progetto a cui bancano le basi. Sì, le basi democratiche.

Le false primarie che ci propinano i dirigenti ex Pd(piùESSE) ne sono la conferma. Non entro in merito alle già dibattute “Primarie dei Giovani“, la falsa traccia della spartizione barbarica di una veste (la candidatura) giustappunto divisa per quanti ne sono contendenti.

Parliamo delle false primarie, prima dell’Unione, poi del PD, dove il lider maximo giocava a fare Polifemo, gigante, contro i signor Nessuno. Tutti sappiamo come andò a finire all’epoca, tutti stiamo vedendo l’epilogo attuale. Repetita iuvant, dicevano i romani. Il loro (ex) Sindaco forse non li ha mai ascoltati fino in fondo.

Il Red Gianno Cuperlo

Il Red Gianno Cuperlo

Sempre il Riformista di oggi (a mio personale avviso uno dei giornali di partito più schietti e opportuni) fa una rosa di nomi anti – Veltroni (inevitabili in caso di disfatta all’elezioni europee): Letta, comunque veltroniano, Bersani, comunque antiberlusconiano e Cuperlo, nome nuovo “giovane, colto”, ma pure sempre dalemiano. Le tre anime del PD tutte racchiuse in questi tre nomi.

Gianni Cuperlo pare essere comunque la vera proposta alternativa, uno dei Red che tanto male dicono di Walter, er core de Roma. Anche lui laziale, sarebbe un volto nuovo di zecca sul proscenio nazionale.

Tutto si deciderà dopo le Elezioni Europee. Non credete mica che tutto questo polverone di Villari, la strumentalizzazione dello sciopero degli studenti e degli universitari, l’inasprimento della contropposizione piloti (alcuni) – Cai siano tutte delle coincidenze?

Siamo in campagna elettorale, ancora una volta. Dobbiamo prenderne atto. Al buon Uolter e ai suoi più fidati compagni di brigata, il compito di non deludere le attese del popolo della Sinistra.

Certo già la scelta di schierarsi nel PSE (questo sì che è una vera e propria fissazione, direi inevitabile, di Veltroni) già fomenta qualche focolare interno. Francesco Rutelli, da non dimenticare fu agnello sacrificale (all’epoca anch’esso ex sindaco della Capitale) del Centrosinistra nell’harakiri dell’elezione che portò al Berlusconi Bis, ha soffiato sul fuoco: caro Walter, non voglio morire socialista. Così titola Panorama un’intervista all’ex leader della Margherita (l’altro gruppo confluito nel Pd assieme ai DS).

Nostalgia della Margherita?
Guardi, quando abbiamo sciolto la Margherita se c’era una cosa certa era che non la stavamo sciogliendo per ritrovarci nel Pse…

A quanto pare, dopo il governo, adesso all’ombra resta pure il partito “dei più e dei meno“.


Acqua abbundis

novembre 15, 2008
foto tratta da internet by Peppe Caridi

foto tratta da internet by Peppe Caridi

Torno a parlare della mia città, Reggio Calabria. Non vi affannate tranquilli non vi impantano mica sulla mie solite riflessioni sullo stato di salute di Sua Maestà la ‘ndrangheta per oggi voglio parlare del bizzarro rapporto tra Reggio e la pioggia.

Le cosiddette “bagghiolate” d’acqua che si accaniscono contro la nostra città, incredibile a dirsi creano sin dalle primissime battute delle gravi apprensioni fra i reggini: diciamoci la verità, non siamo proprio abituati. Scatta la corsa all’automobile, anche per i minimi movimenti tutti in macchina. Soprattutto scatta la corsa ai ripari dall’acqua che inonda ogniddove.

Capita dunque che la famigerata SS 106 nel tratto prossimo al centro della città, per l’esattezza tra l’uscita Ravagnese – Saracinello e l’uscita Modena – San Sperato si crei un vero e proprio “pantano” d’acqua, 4 frecce d’obbligo, oltre che un “mare” (non sono mai abbastanza sadico nelle mie battute) di pazienza.

Reggio, per chi non la conoscesse, è una città in salita. No! Non parlo in ottica sociologica, ma in pura visione urbanistica. E come tutte le discese, l’acqua quando abbonda scende che è una bellezza. Così anche le “Bretelle”, uscita Reggio Centro, sembrano simili al Niagara, rapide su cui cavalcano non navi e zattere, ma 4 ruote di diversa matrice.

Altro che disagio idrico! Basta che piova continuamente e con un minimo d’intensità ed è un fenomeno paranormale spostarsi nella città dello Stretto.

A proposito di “Acque Reggine“, oggi ho seguito la conferenza stampa del PD sulla vicenda Corte dei Conti. Ecco la mia versione dei fatti.

Se vi può rassicurare, ora è spuntato un pallido sole. Perplesso osservo la mia giacca ancora bagnaticcia. Umida direi.


Uolter, il liberatore, impigliato nella Rete

novembre 13, 2008

Amo la libertà di stampa più in considerazione dei mali che previene, che per il bene che essa fa. ( Charles – Alexis de Tocqueville )

Uolter ce la sta mettendo tutta. Per i primi mesi si è addirittura “castrato” nell’essere a – comunista, ora non solo torna in piazza, ma inizia ad esercitare i poteri che un leader bolschevico possiede. Menomale che non è in maggioranza. O quasi, potrebbero dissentire tutti nell’incidere il solito disco 4 stagioni, c’è comunque Re Silvio, quello della Propaganda 2.

Propaganda. Nell’ultimo post mi curavo di Grillo e della sua confraternita, la cui propaganda viaggia in bassa frequenza per la rete. Mi sento tanto un novello Roman Jakobson (formalista russo, 1892 – 1982) che studia le funzioni del linguaggio, in particolar modo del linguaggio politico del web in quest’ultimo periodo.

Oltre l’ultima divagazione puramente accademica, vengo al dunque. Franco Levi (PD) ha depositato alla Commissione Cultura della Camera la legge “ammazzabloggher” (citaz. “udite udite” Beppe Grillo). Ecco rapidamente in cosa consiste: ogni blog è equiparato a un prodotto editoriale, ogni blog che pubblica Adsense di Google o banner può risponderne all’Agenzia delle Entrate, ogni blog deve iscriversi al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione), ogni blog è soggetto alle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa, ogni blog che non si iscrive al ROC può essere denuciato per il reato di “stampa clandestina“: due anni di carcere e sanzioni economiche.

(immagine tratta liberatemente da internet)

(immagine tratta liberatemente da internet)

Se il bloggher reggino Antonino Monteleone analizza in maniera acuta la relazione tra società civile e giornalismo (e le relative conseguenze giudiziarie), personalmente muovo una mozione sul “prodotto blog”, a rischio di estinzione. Querele a parte, quì c’è in ballo la libertà d’espressione, in un mondo come quello di internet de – legalizzato.

Detto ciò a “tutela della categoria”, esplicitamente dico che ci sono blog i cui contenuti sono facinorosi e, personalmente, pericolosi. Navigando per Internet ci si può imbattere in veri e proprie discariche a cielo aperto di idee faziose e offensive. La deregulation che vige però non può essere compromessa con un provvedimento “parziale”, sarebbe lesivo solo nei confronti dei bloggher, categoria che informa.

È singolare che il provvedimento parta da un esponente del PD: tanto amici di Obama (che ha stravinto anche grazie all’apporto del web), tanto immersi nella società da far partire l’iniziativa “propagandistica” (termine già usato in questo articolo sali sopra) YouDem.

Siamo ancora in fase embrionale come proposta di legge, speriamo questa volta che rimanga eternamente incinta.


Giovane, bello e abbronzato

novembre 8, 2008

berlusconi02

Leggo da qualche giorno la bufera che ha scatenato la dichiarazione che Silvio Berlusconi ha rilasciato come commento (battuta ironica) all’elezione di Barack Obama, primo presidente “afro” degli States.

Ho deciso di esprimere la mia opinione, non relegandola ad un commento, ma dandole una significativa (per quanto personale) importanza. Anche se credo che questo avvenimento poco abbia di importante.

Da quì la prima precisazione: ogni qualvolta il Berlusca apra bocca e si prenda l’ardita licenza di “ironizzare” (verbo caro ai sinistroidi italiani, quando spesso questi cadono nell’offesa vera e pura in quello che molti chiamano satira) tutti pronti a processarlo e tacciarlo di ogni male del mondo.

L’abbiamo capito, secondo alcuni italiani (che si credono i custodi della verità) la fonte di ogni male per la nostra “italietta”, questo “paese di imbecilli che ormai ha perso ogni parvenza di democrazia” (tanto per dovere di “citazione”) è lui, Silvio da Arcore.

Abbiamo capito che molti politici (amici di quegli italiani, o giù di lì vista la loro considerazione dell’Italia per l’appunto, suddetti) quando sono a corto di idee (troppo spesso a leggere le continue dichiarazioni in tal senso) dicono che il premier è razzista, ridicolizza l’immagine dell’Italia, non è degno di rappresentarci.

Lo – abbiamo – capito!!!

Ma per cortesia, cambiamo registro! Personalmente e dico personalmente, non ritrovo in quelle parole nulla di ingiurioso. Personalmente non credo che sia Berlusconi una persona “santa e piena di Spirito”, credo che avrebbe meritato altri trattamenti giudiziari, al pari di Andreotti e via dicendo (senza scadere però nella caccia alle streghe, in puro stile travagliano).

Oggi Obama ha chiamato Berlusconi: alzi la mano quanti credevano che l’idillio USA – Italia fosse finito dopo la affermazione “abbronzato” (perchè non penso che dire giovane e bello sia un offesa!) ? Bene così non è, almeno non pare. Nonostante Veltroni, l’amicone del nuovo presidente dell’America, non è in maggioranza.

Dimenticavo: ma gli antiamericani “del giorno dopo” che fine hanno fatto? Oggi tutti pronti a difendere la pelle nera di Obama, ieri tutti in piazza a bruciare la bandiera a stelle e strisce.

É successo in Italia e quella volta, quella volta no, non è stato Berlusconi.