La Selva Oscura dei No (a priori)

dicembre 10, 2008
Il Mose eviterebbe l'acqua alta a Venezia, ma c'è chi non ci sta. (foto Internet)

Il Mose eviterebbe l'acqua alta a Venezia, ma c'è chi non ci sta. (foto Internet)

Signor No, signore!

Più che un motto, oramai risuona come il requiem della nostra economia e dei nostri disservizi, tutti italici. La “Casta dei No” è viva, vegeta e condiziona tutto il Paese: c’è chi si oppone alla Tav, chi al Ponte di Messina. Lorsignori questi sono solo i casi più eccellenti: per chi vive le latitudini calabre in questi mesi ha visto l’accavallarsi delle proteste dinnanzi al pericolo Sei in Calabria. Investimento = pericolo. Meglio riciclare i denari in catene alimentari e beni di primo consumo, ma questa è una storia del paese di Giufà, non comprensibile, come molte altre.

Se vuolsi rivolgere lo sguardo poco lontano, risalendo la Calabria brilla di luce propria, la Centrale elettrica di Laino Borgo, ridente cittadina tra i boschi del Pollino, dove 35 megawatt, costata 50 milioni di euro per produrre energia tramite biomasse, sono lì in bella mostra: venghino signori, venghino! E pensare che pur funziona visto che ha “prodotto” solo nel primo giorno della sua esistenza per poi essere rinchiusa a causa del suo effetto mortifero sulle lontre del lago pressappoco vicino. Lontre mai rinvenute.

Ah! Fatti non foste per viver come bruti: cortei, girotondi, associazioni no – profit, politici tutti uniti (con la garanzia di rimanere pressocché impuniti, anche in caso di estrema colpa!) trasversalmente nel bruciare, fattivamente, i fondi che l’Italia mette a disposizione dei suoi cittadini. Peccato mortale il fare. Meglio incrociare le braccia e protestare, appellandosi a sua maestà la VIA (Valutazione dell’Impatto Ambientale), che macina pratiche su pratiche, avezza alla penna rossa per sottolineare gli errori anche ove non ci fossero.

159, sono 159, gli altolà imposti al Ministero dell’Ambiente: quanto ci costano? Calcoli alla mano tanto, troppo.

Non restiamo nel vago. Strana voce: “Costi del Non fare“. Prendiamo in esame il triennio 2005 – 2007 e poi calcoliamo esponenzialmente i probabili danni alla nostra economia in lunga gettata, ossia fino al 2020.

Il totale degli sprechi in ambito di “produzione energia” conta ben 38.590 milioni di euro; per quanto concerne lo “smaltimento dei rifiuti” scendiamo, ma di poco, con 28.029 milioni di euro gettati al vento: chiude questa disastrosa hit parade il conteggio dei soldi persi nel “non fare” tangenziali, autostrade e ferrovie ad alta velocità. Signori e signori: 337. 619 milioni di euro!

Non stiamo parlando di opere campate in aria o di progetti inutili, e inutilizzabilili, tanto per dovere di cronaca a questa particolare categoria dei lavori pubblici “in via d’aborto preventivo” appartengono, tra gli altri e in ordine sparso:

  • elettrodotti di tutt’Italia, dal comune più piccolo alle grandi città, come ad esempio quelli di Trino – Lacchiarella (PIEMONTE) e Fusina – Dolo Camin (VENETO). Bazzecole diremmo noi;
  • il completamento del Mose: mai più acqua alta a Venezia? Ma che vengo – a – dirtelo – affà!
  • Enel, Autostrade, Ferrovie, Terna: tutti al palo. Prima bisogna passare un vero e prorio esame di maturità, che sa di via crucis: l’iter prevede che il progetto debba essere vagliato dagli enti locali e posto a trattativa serrata con essi (durata in media di questo step 5-6 anni), poi deve passare dalla Conferenza dei Servizi, mini parlamento da 60 – 70 deputati – imputabili per questo – e infine approda ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, con tutte le lungaggini parlamentari note a tutti;
  • raddoppio della rete elettrica della Sicilia orientali: 310 milioni di euro affinché l’isola del Sole non rimanga al buio;
  • impianti energetici di natura eolica in Campania, a Dauna, zona gli indici più alti di ventosità d’Italia. Pecoraro Scanio preferì favorire il fenomeno della ‘monnezza!
  • rigassificatore ENEL in Sicilia, per ben 600 milioni di euro investiti: Porto Empedocle troppo vicina alla Valle dei Templi. Eppure gli esperti in materia, come il presidente dell’UNESCO, tra l’altro sicilianissimo, Giovanni Puglisi, ha del tutto escluso la possibilità di rischi.

Il decreto anticrisi parla chiaro. Evitare gli sprechi, bloccare la rincorsa estenuante dei ricorsi di questo o quel comitato. E’ risaputo che molti fondi europei che giungono in Italia vengono rispediti al mittente perché non utilizzati. E c’è da meravigliarsi se ancora puntano qualche sordo sullo Stivale trivellato da questi contestatori a priori: ad ogno passo in avanti, ne corrispondoo 5 indietro. Così è, se vi pare.

Anzi no no, è così e basta.

N.A. : ho tratto spunto per questo articolo dall’approfondimento di Panorama del 5 dicembre 2008 a firma di Daniele Martini.

Annunci

Pd(menoELLE) sull’orlo di una crisi di governo (ombra)

novembre 23, 2008
la poltrona di segretario traballa, decisive le Europee (foto Internet)

la poltrona di segretario traballa, decisive le Europee (foto Internet)

E pensare che un anno fa di questi tempi si celebrava la nascita di una nuova creatura politica, che poteva dare al paese uno nuovo slancio verso il riformismo nel Paese e liberarci dal nemico giurato Berlusconi. Con toni e dialettica “soft”, ironia pungente immancabile, Uolter il condottiero vedeva giorno per giorno materializzarsi il suo sogno, il sogno della Sinistra italia, non più tacciata di essere “comunista”, ma nemmeno traditrice, troppo appiattita sul fronte moderato.

Progressisti, autoconclamati loro. Oggi ha leggere tra le righe c’è qualcuno che rema contro. Personalmente ne sono addolorato, perché anch’io ero rimasto piacevolmente colpito da questa nuova formazione politica che voleva superare i soliti stereotipi dell’antiberlusconismo (per fare un esempio chiaro, la propaganda dell’Idv, partito di liberali schierato a sinistra e che raccoglie consensi degli ex comunisti).

Leggevo oggi sulle colonne del Riformista della dimissione dalla direzione nazionale del Partito Democratico, di Irene Tinagli, una tizia sconosciuta ai più che lavora come consulente per il Dipartimento Affari Economici e Sociali dell’Onu e per la Commissione europea.

“Inneggiare al cambiamento, all’idea di una società e di una politica nuove serve a poco se manca il coraggio di intraprendere fino in fondo le azioni necessarie a realizzare queste idee. Sartre diceva che noi siamo quello che facciamo. Sono le nostre azioni che ci definiscono, stare a discutere su ciò che ci piacerebbe essere serve a poco: la gente ci giudicherà per quello che abbiamo fatto. E di quello porteremo la responsabilità. Per quanto mi riguarda non voglio portare la responsabilità delle scelte che sta facendo questo partito che in larga parte non condivido e sulle quali non ho avuto e non ho possibilità di incidere in alcun modo. Per questo ho deciso di dimettermi”.

Sono stato “tiranno” nel riportare taccagnamente l’ultimo stralcio della lettera aperta della dott.ssa Tinagli. Non sono diventato Caligola tutto d’un colpo, semplicemente ho voluto far permeare tutta la delusione di una persona autorevole su un progetto a cui bancano le basi. Sì, le basi democratiche.

Le false primarie che ci propinano i dirigenti ex Pd(piùESSE) ne sono la conferma. Non entro in merito alle già dibattute “Primarie dei Giovani“, la falsa traccia della spartizione barbarica di una veste (la candidatura) giustappunto divisa per quanti ne sono contendenti.

Parliamo delle false primarie, prima dell’Unione, poi del PD, dove il lider maximo giocava a fare Polifemo, gigante, contro i signor Nessuno. Tutti sappiamo come andò a finire all’epoca, tutti stiamo vedendo l’epilogo attuale. Repetita iuvant, dicevano i romani. Il loro (ex) Sindaco forse non li ha mai ascoltati fino in fondo.

Il Red Gianno Cuperlo

Il Red Gianno Cuperlo

Sempre il Riformista di oggi (a mio personale avviso uno dei giornali di partito più schietti e opportuni) fa una rosa di nomi anti – Veltroni (inevitabili in caso di disfatta all’elezioni europee): Letta, comunque veltroniano, Bersani, comunque antiberlusconiano e Cuperlo, nome nuovo “giovane, colto”, ma pure sempre dalemiano. Le tre anime del PD tutte racchiuse in questi tre nomi.

Gianni Cuperlo pare essere comunque la vera proposta alternativa, uno dei Red che tanto male dicono di Walter, er core de Roma. Anche lui laziale, sarebbe un volto nuovo di zecca sul proscenio nazionale.

Tutto si deciderà dopo le Elezioni Europee. Non credete mica che tutto questo polverone di Villari, la strumentalizzazione dello sciopero degli studenti e degli universitari, l’inasprimento della contropposizione piloti (alcuni) – Cai siano tutte delle coincidenze?

Siamo in campagna elettorale, ancora una volta. Dobbiamo prenderne atto. Al buon Uolter e ai suoi più fidati compagni di brigata, il compito di non deludere le attese del popolo della Sinistra.

Certo già la scelta di schierarsi nel PSE (questo sì che è una vera e propria fissazione, direi inevitabile, di Veltroni) già fomenta qualche focolare interno. Francesco Rutelli, da non dimenticare fu agnello sacrificale (all’epoca anch’esso ex sindaco della Capitale) del Centrosinistra nell’harakiri dell’elezione che portò al Berlusconi Bis, ha soffiato sul fuoco: caro Walter, non voglio morire socialista. Così titola Panorama un’intervista all’ex leader della Margherita (l’altro gruppo confluito nel Pd assieme ai DS).

Nostalgia della Margherita?
Guardi, quando abbiamo sciolto la Margherita se c’era una cosa certa era che non la stavamo sciogliendo per ritrovarci nel Pse…

A quanto pare, dopo il governo, adesso all’ombra resta pure il partito “dei più e dei meno“.