L’illiberale Santoro si ostina a parlare di libertà (e io pago!)

gennaio 16, 2009

Il paradosso.

Se Lucia Annunziata è tacciata di berluscanesimo, vuole dire che l’allegra combriccola di Santoro e company si fa di allucinogeni. L’ultimo scontro verbale ad AnnoZero, si badi bene alla sostanza e non alla forma che appare come una rivisitazione a parti inverse di quando il Cavaliere abbandonò la seggiola dell’Annunziata, ha davvero del paradossale.

Più ancora rispetto alla posizione oltranzista pro – Palestina che il programma di Michele Santoro ha assunto: Marco Travaglio, l’evangelista siede alla destra di Hamas e tutti vissero felici e contenti. Come ridurre a politica la tragedia di un popolo, altro fuor di dubbio più atroce non si può.

Non discuto la valenza di pungolo, di “controcorrente” che AnnoZero svolge quando al governo c’è Berlusconi, sappiamo tutto dei suoi misfatti grazie proprio ad approfondimenti come questo che gentilmente col canone noi paghiam, però la situazione in Medio Oriente merita delle valutazioni più oculate e meno “di parte”.

Lucia Annunziata col suo intervento, illo tempore pro – Israele per come Santoro ci vuol far capire, si schiera con i ricchi, i potenti, coloro  i quali vivono di sopprusi e attanagliano la povera gente in uno stato di paura perpetua. Nostradamus gli’è fa na pippa (mi scuso con i lettori se scado nelle volgarità) a questa gente.

Vagli a spiegare ai suddetti giornalisti – moralizzatori che le guerre di religione (ma anche di interesse), non sono i battibecchi che ci sono in Italia, ma investono molte vite umane con la tragica conclusione delle morti di massa. Uno dei motivi per cui sono rimasto in silenzio in questi giorni è proprio la vicenda palestinese – israeliana, un requiem che recitamo di tanto in tanto, che non ci sorprende più.

Lucia Annunziata vs Michele Santoro, l’abbandono e il vaffa celato attraverso artifizi retorici, dipinge in pieno il nostro stato di salute. In questi giorni è arrivata al mio domicilio la lettera dell’ufficio dell’entrare con la richiesta di “pagare il canone RAI”. Se non lo pagassi sembrerei filoberlusconiano (lungi da me, Silvio) e se lo pago, cosa vedo? Possibile che mamma RAI si ostina a mandare sempre  in onda questo maledettisimo circo?

Nessuno si senta offeso.

PS: A me Lucia Annunziata non va proprio giù, vi lascio immaginare Santoro.

fedmin

Annunci

Moschee fuori – legge: in bilico tra santi e falsi dei

dicembre 3, 2008
L'integrazione è un tabù? (foto Internet)

L'integrazione è un tabù? (foto Internet)

E fu così che Maometto dovette cedere dinnanzi alla montagna, piemontese. Si chiama Roberto Cota ed è della Lega Nord, mica uno qualsiasi: è il presidente dei deputati del partito di Umberto Bossi.

L’avv. Cota ne ha fatta di strada: da Novara a Palazzo Chigi, oggi in sella ad una fuoriserie di governo che non pare trovare “pietre d’inciampo” nelle sue iniziative parlamentari. Se Ilaria D’Amico “dall’alto” della sua civica responsabilità sta mettendo alle strette il Cavaliere, la Lega va dritta per la sua strada.

Avevan promesso ordine e “pulizia” (oltre che il tanto acclamato federalismo) e così han deciso di chiudere le moschee. Negare un luogo sacro ad una religione per punire degli extracomunitari criminali. Un po’ come succede nei paesi dell’Islam dove se indossi un crocefisso ti ritrovi del piombo nello stomaco.

Stesso identico processo: è di oggi la notizia (riportata dai media nazionali) della proposta da parte dei deputati del Carroccio. « Chiediamo una moratoria a tempo indeterminato sulla costruzione di nuove moschee e presunti centri culturali finché il parlamento non approverà una legge che regolamenti l’edificazione di luoghi di culto che non abbiano sottoscritto intese con lo Stato ».

Ora che non ci vengano a dire i sinistri pensatori della politica italiana, “noi ve l’avevamo detto, questi sono peggio dei fascisti”. Eh no, perché quando c’è da criticare tutti sul carro, quando c’è da biasimare su altrettante scandalose “richieste”, come il famoso (già entrato di diritto nella storia del nostro Paese) « via il Crocefisso dalle aule », il dubbio tra l’essere sostenitore e stigmatizzare il fatto c’è stato, bello e grosso.

Siamo alle solite: un giorno tutti chierichetti, al limite del bigottismo, un altro giorno tutti a sparare a zero sulle ricchezze del Papa. Nel mezzo che c’è sta’? La tolleranza, che diciamoci la verità, oscilla con andamento binario da 0 a 1. Altro che integrazione: la Lega, per bontà sua, incarna tutta la cattiva gestione del fenomeno immigrazione.

Le porte aperte cos’hanno portato? Ad una nazione, il cui cumulo storico già grava e mica poco, che ad ogni minima scossa periferica si destabilizza sin dalla sua base.

I parlamentari “che sicuramente lo sanno” stanno attoniti su questa rotonda che gira, gira, gira. Ho riportato nel mio blog, le posizioni di Souad Sbai, islamica che chiede una “regola del buon dialogo tra le diverse etnie”. La speme è lontana dall’abbandonarla, il desio che questo avvenga no.

Impedire di edificare nuove moschee? Una proposta bizzarra che però, a scanso di equivoci e di strumentalizzazioni facili, non deve vederci ancora divisi tra perbenisti e intransigenti: il problema c’è e si vede. Si conta nel numero dei caduti di questa battaglia sottaciuta, a tratti, censurata.

FedMin