Altro che bunker: tutti “Alla rampa”

ottobre 21, 2008

Google Earth fa miracoli.

Vuolsi un dì golosamente rintracciare un ristorante alla moda che i “bucatini alla matriciana ” fa pregievolmente. Un luogo di incontro per il gotha della classe dirigente nazionale, ad un tiro di schioppo dai palazzi del potere, prossimo alla grande scalinata di Piazza di Spagna, lì sorge codesto tempio: “Alla rampa”, da San Luca con furore.

Così recita il Corriere della Sera, a lui ci attendiamo: Il locale, frequentato da alte cariche dello Stato e da vip del mondo dello spettacolo, della cultura e del giornalismo, sarebbe controllato da personaggi vicini alla ‘ndrangheta. (Adn Kronos).

Da un ristorante all’altro, così da Duisburg e il suo impietoso “Warum?” di fronte all’esercizio “Da Bruno” alla Capitale, la cosca Pelle – Vottari – Romeo non fa differenza: a pochi giorni dall’arresto di Antonio Pelle, “la mamma” , ecco un altra indagine portata avanti dai Ros in collaborazione con la magistratura romana e la Dda di Reggio Calabria.

L’inchiesta, delicatissima, rischia di provocare un terremoto: andati avanti per sei mesi nel silenzio più assoluto tra intercettazioni, pedinamenti e visure societarie, gli accertamenti hanno avuto un clamoroso sviluppo negli ultimi giorni. La procura ha chiesto la misura di prevenzione del sequestro del ristorante ‘Alla rampa’. Situato alla base della scalinata Mignanelli che collega lateralmente piazza di Spagna a Trinità de’ Monti, nel cuore di Roma, il locale frequentato da alte cariche dello Stato e da vip del mondo dello spettacolo, della cultura e del giornalismo è ufficialmente di un’azienda. Ma in realtà, secondo chi indaga, è controllato da personaggi vicini al gruppo Pelle-Vottari-Romeo“.

Niente bucatini quindi, peccato. Mi incuriosisce particolarmente quell’omino comparso proprio su Piazza Mignanelli.

Cosa avrà voluto dire!?

Annunci

Enti inutili e giustizia zoppa

ottobre 15, 2008

Oggi poso l’ascia da inguaribile obiettivo per impugnare la spada del giudicatore, mi perdonino i più. Non prendo una posizione partitica, ma voglio fare una dimostranza civile.

Prenderò in analisi due delle iniziative più “popolari” di questo governo. Il primo è il lodo Alfano.

Sinceramente non sono andato a votare, non andrò a votare, ai banchetti per il referendum contro questa legge promosso da Idv e da tutti i giustizialisti di questo Paese. Questa mia scelta ha un perché: basta vedere oggi le prime due notizie che il Tg5 (spero di non apparire di parte con questa fonte) per capire che il problema della giustizia italiana non è il tanto attaccato “salvapremier“.

Fernando Carretta e Pietro Maso oggi riscuoto il loro (giusto ?) risarcimento danni: il primo che uccise madre, padre e fratello per poi scappare a Londra per 10 anni, sarà di nuovo “padrone” dell’eredità dei genitori: 350.000 euro; il secondo ottiene la semilibertà dopo che anch’esso distrusse la vita di mamma e papà randellandoli con una padella e un’asta di ferro. Signori e signori, questa è la giustizia italiana.

Garantista anziché no, disuguale tra gli uguali. E ancora c’è chi va alla caccia delle streghe credendo che “punito” uno (di cui non discuto la colpevolezza o meno), Berlusconi, si da un insegnamento per tutti. Magari fosse vero, magari i magistrati facessero “solo” il loro indefesso lavoro.

Da Angelino cuore siculo a Brunetta, cuore socialista. Il più odiato dai sindacati. Ora io che capisco bene che i tornelli a Palazzo Chigi sono un’iniziativa di facciata, all’indomabile Renato domando e dico: ma quando saranno “cancellati” gli enti inutili presenti nel nostro apparato amministrativo – burocratico?

Niente di personale contro Pinone Morabito e la sua giunta, se non il fatto di avere l’impressione di rivolgermi a degli oggetti misteriosi, altro che fantasmi dell’Opera, questi sono i Casper di Palazzo Foti. La Provincia (si badi bene, non solo quella reggina, ndr) ha perso il senso di esistere, tra l’incudine (lo strapotere, presunto, dei sindaci) e il martello (la clava dei governatori), l’organo amministrativo ha manzioni assai ridotte, se si eccettua il cospicuo (per le tasche dei cittadini) campeggio di politico presso questo assise.

Tra vecchie glorie e nuovi volti della politica, la Provincia è un’aula di equilibrio. Sì perché fa da contentino a tutti i “locali”, ops zone, del Reggino. Piana, Locride, Stretto, Aspromonte: tutti hanno il suo rappresentate che a volte legifera (per quanto gli è concesso), a volte no.

Sono un convinto sostenitore di chi crede che le Provincie vadano abolite. Mi scusino gli amanti del diritto.

FedMin


Detassati dall’I.V.A.? Forse pagando…

ottobre 1, 2008

pubblicato anche su Nuovi Rumori

Si vocifera da un pò di tempo che il Centro Commerciale, sito in San Leo di Pellaro, aprirà i battenti nel prossimo mese di Novembre, proprio alle porte del periodo natalizio da sempre florido per questo tipo di attività.

Ad offuscare l’ottimismo è una notizia che arriva da Roma, per l’esattezza dal Dipartimento Politiche di Sviluppo del Ministero dello Sviluppo economico, che proprio oggi ha comunicato le “22 – fortunate – zone franche urbane”.

In serata l’ANSA ha battuto l’agenzia nella quale il ministro Claudio Scajola in persona ha dato a battesimo la designazione di questi lotti detassati dall’importo IVA all’interno di citta’ grandi, medie e piccole in 11 Regioni avranno diritto inoltre a incentivi e agevolazioni fiscali e previdenziali, per una cifra pari a 50 milioni di euro l’anno, per nuove attivita’ economiche costituite entro il 2009.

”Con l’avvio delle zone franche urbane – commenta in una nota il ministro Claudio Scajola – diamo una significativa risposta al disagio socio-economico delle aree a maggior tasso di disoccupazione. Gli incentivi e le agevolazioni previsti per le zone franche, gia’ sperimentate con successo in Francia e autorizzate dall’Ue, sosterranno la creazione di nuova imprenditorialita’ e fanno parte dei nuovi strumenti normativi per rilanciare l’intervento nel Mezzogiorno e nelle altre aree deboli del Paese. Stiamo gia’ lavorando per estendere questa misura anche oltre il 2009“.

Le 22 ‘zone franche urbane’, selezionate tra 64 proposte sono Catania, Gela, Erice in Sicilia; Crotone, Rossano e Lamezia Terme in Calabria; Matera in Basilicata; Taranto, Lecce e Andria in Puglia; Napoli, Torre Annunziata e Mondragone in Campania; Campobasso in Molise; Cagliari, Quartu Sant’Elena e Iglesias in Sardegna; Velletri e Sora nel Lazio; Pescara in Abruzzo; Massa Carrara in Toscana e Ventimiglia in Liguria. Il provvedimento  sulle zone franche verra’ sottoposto ora alla valutazione del Cipe e successivamente verra’ notificato alla Commissione europea. Si prevede che gli incentivi e le agevolazioni potranno essere concretamente erogati entro la prossima primavera.

Secondo indiscrezioni, tra le 64 proposte pervenute vi era anche la città di Reggio Calabria, che guardacaso aveva avanzato la candidatura delle due zone limitrofe al centro, Catona e Pellaro. Ecco perché questa decisione può scombinare i quadri precostituiti del nuovo Centro Commercia a San Leo.

Nato sotto la buona stella della compiacienza politica, oggi si ritrova spogliato di queste vesti, derubato di ciò che statuariamente gli “toccava”. Di più c’è da dire che proprio in vista dell’apertura imminente, le “pressioni” (le quali più volte documentate da me medesimo, ma non solo!) sul territorio si sono fatte sempre più insistenti.

Oggi la doccia fredda. Non ci resta che piangere, apostroferebbe il grande Massimo Troisi. A San Leo ci stanno facendo l’abitudine…

Ma non confondiamo il Sacro col profano.

FedMin