Giovane, bello e abbronzato

novembre 8, 2008

berlusconi02

Leggo da qualche giorno la bufera che ha scatenato la dichiarazione che Silvio Berlusconi ha rilasciato come commento (battuta ironica) all’elezione di Barack Obama, primo presidente “afro” degli States.

Ho deciso di esprimere la mia opinione, non relegandola ad un commento, ma dandole una significativa (per quanto personale) importanza. Anche se credo che questo avvenimento poco abbia di importante.

Da quì la prima precisazione: ogni qualvolta il Berlusca apra bocca e si prenda l’ardita licenza di “ironizzare” (verbo caro ai sinistroidi italiani, quando spesso questi cadono nell’offesa vera e pura in quello che molti chiamano satira) tutti pronti a processarlo e tacciarlo di ogni male del mondo.

L’abbiamo capito, secondo alcuni italiani (che si credono i custodi della verità) la fonte di ogni male per la nostra “italietta”, questo “paese di imbecilli che ormai ha perso ogni parvenza di democrazia” (tanto per dovere di “citazione”) è lui, Silvio da Arcore.

Abbiamo capito che molti politici (amici di quegli italiani, o giù di lì vista la loro considerazione dell’Italia per l’appunto, suddetti) quando sono a corto di idee (troppo spesso a leggere le continue dichiarazioni in tal senso) dicono che il premier è razzista, ridicolizza l’immagine dell’Italia, non è degno di rappresentarci.

Lo – abbiamo – capito!!!

Ma per cortesia, cambiamo registro! Personalmente e dico personalmente, non ritrovo in quelle parole nulla di ingiurioso. Personalmente non credo che sia Berlusconi una persona “santa e piena di Spirito”, credo che avrebbe meritato altri trattamenti giudiziari, al pari di Andreotti e via dicendo (senza scadere però nella caccia alle streghe, in puro stile travagliano).

Oggi Obama ha chiamato Berlusconi: alzi la mano quanti credevano che l’idillio USA – Italia fosse finito dopo la affermazione “abbronzato” (perchè non penso che dire giovane e bello sia un offesa!) ? Bene così non è, almeno non pare. Nonostante Veltroni, l’amicone del nuovo presidente dell’America, non è in maggioranza.

Dimenticavo: ma gli antiamericani “del giorno dopo” che fine hanno fatto? Oggi tutti pronti a difendere la pelle nera di Obama, ieri tutti in piazza a bruciare la bandiera a stelle e strisce.

É successo in Italia e quella volta, quella volta no, non è stato Berlusconi.

Annunci

The winner is … Agazio Loiero

ottobre 5, 2008

Cosa?? Cosa?? Cosa??

Le dichiarazioni di Agazio Loiero rilasciate per RTV durante la Festa Rossa, memorial del comunismo tenutosi a Gambarie con la partecipazione dei quadri nazionali del PdCi, come Oliviero Diliberto, mi hanno lasciato alquanto sconcertato.

« Tutti già pensano alle regionali del 2010, personalmente NOI porteremo qualcosa agli elettori, si, infatti, FAREMO ESERCITARE LA LORO MEMORIA per quanto fatto da questa giunta. »

Mario Meliadò, che è giornalista acuto appena tolto il microfono da sotto il bavero del governatore ha apostrofato l’esecutivo regionale come “il governo degli inquisiti“.

Per quest’interpretazione il buon vecchio Agazio ha ricevuto l’Oscar come attore protagonista del film “Quella falsa chiamata Regione Calabria “. In esclusiva per voi ecco l’immagine del presidente premiato.

Le mie congratulazioni Boss !