Giù le mani da Kakà

gennaio 17, 2009

Al cuore non si comanda, però …

Kakà in partenza per Manchester? (immagine tratta liberatamente dal sito ufficiale di AC Milan)

Impazza ovunque, anche tra i non calciofili, il dibattito se il Milan deve cedere o meno il fenomeno brasiliano Kakà, pallone d’oro nel 2007.  L’offerta del nuovo sceicco del calcio, Mansour, è eclatante e straccia il precedente record di denari per un calciatore (il Real Madrid versò alla Juventus, 75 milioni di euro per Zizou Zidane): 120 milioni di euro e datemi Kakà.

Conti alla mano il Milan con questa cessione getterebbe le basi per diventare la squadra più forte (e competitiva del mondo): Adebayor, Clichy, Alex, Mexes, Essien e Benzema questi i nomi che la società di via Turati contatterebbe sin dal giorno dopo della cessione del numero 22 rossonero. Un Milan giovane e, profondamente, rinnovato.

Queste le ragioni che pare abbiano portato all’imminente accordo tra le due società: c’è la probabilità che Ricky disputi proprio stasera l’ultima gara col Diavolo contro la Fiorentina a San Siro. Anche il calciatore vacilla, 290.000 euro a settimana, 15 milioni all’anno. 120 milioni di euro complessivi di entrate (compresi gli sponsor) per il suo futuro.

Certo per Smoking – in – bianco significherebbe svestire la casacca del club più blasonato del mondo, col quale ha vinto 2 Champions e 1 Coppa Intercontinentale, oltre che uno Scudetto e una Coppa Italia, per andare a giocare in una squadra che sta lottando per la retrocessione in Premier League. Kakà vuole garanzie tecniche, per questo non si muoverà da Milano fino a giugno.

Dirò di più: è probabile che se l’affare salta a Gennaio, il Milan di giugno sarà diverso da quello di adesso, soprattutto se dovesse arrivare qualche titolo di quelli in palio (anche se Ancelotti pare aver già abbandonato il traguardo scudetto), e che quindi Ricardo Izecsson Leite, più semplicemente detto Kakà, può essere rimanga in riva al Naviglio.

Una storia che assomiglia maledettamente al caso Sheva e quel rinvio atroce di una separazione imminente: ha dichiarato Clarence Seedorf che Kakà non andrà via per soldi. I suoi estimatori, me compreso, lo credono fermamente.

Kakà rappresenta per il calcio moderno l’antipodo a tutto: calciatore sublime (a mio modo di vedere il più forte al mondo insieme a Messi),  moderno. Un esempio dentro e fuori il rettangolo di gioco, un’anima candida e vincente. Kakà davvero è l’extralusso che qualunque club vorrebbe per sé.

Stamane campeggiava di fronte alla sede sociale del Milan la scritta: “Giù le mani da Kakà. Curva Sud”. I tifosi rossoneri, quelli dell’ex Fossa dei Leoni, sono innamorati pazzi del loro fenomeno. Il web impazza dando per imminenti il cambio di maglia. La Lega italiana perderebbe il pezzo pregiato (assieme a Ibra) del torneo.

Un atleta capace di consegnare al Milan una Coppa dei Campioni da solo nel 2007, un uomo che arrivato “bambino”, sbeffeggiato per lo strano nomignolo affibiatogli (ricordate l’ironico Lucianone Moggi su tutti) che è entrato di diritto e di prepotenza già nella Hall of Fame del calcio mondiale, passando da Milanello.

Disfarsi di Kakà è questione di cuore, ma anche di interessi. Adriano Galliani lo sà, Silvio Berlusconi un pò di meno. A lui questa storia non sarà andata giù con molto piacere, lui amante dell’estetica del “bel giuoco”, lui appassionato verace del fenomeno brasiliano del 1982.

Molto probabilmente la società vuole venderlo, altrimenti lo avrebbe blindato come fatto in passato con le lusinghe del Real e del Chelsea attraverso dichiarazioni e brusche frenate, sa che i Citizen non sono un avversario diretto del Milan come qualità d’organico (attuale): quale situazione migliori di fare cassa? Pensata Kakà costò al Milan 8 mln, 102 milioni di euro di plusvalenza!

La scelta finale tocca a Ricardo, lui che in cuor suo firmerebbe a vita per il Diavolo, si è visto fare le valigie. Ora tocca a lui disfarle oppure partire alla volta di Manchester.


Lui è Leggenda

ottobre 29, 2008

La notizia del giorno è una. Una e sola: el Pibe de Oro sulla panca della Nazionale ( argentina ).

Diego Armando Maradona non sarà mai un personaggio “da schema”, così pare essere “l’ossimoro più ossimoro che ci sia” quello di vederlo a bordo campo nel suo lungo impermeabile nero alla Trap (volo con la fantasia!). Magari vederlo sbracciare e poi fischiare ripetutamente per richiamare il terzino che non và, che non sale.

La Seleccion di Lionel Messi dunque sarà guidata dal Dieghito mundial. « Non stavo bene prima, era facile per me dire che Grondona non mi dava la Seleccion, che non mi davano nessuna responsabilità. Ma oggi è un’altra storia: oggi sono felice ». Queste le sue prime dichiarazioni da Ct rilasciate al giornale El Clarin.

Domani l’ex beniamino del San Paolo, che oggi esulta grazie a Lavezzi e Hamsik, compirà 48 anni. Dentro è l’eterno gaucho, fuori da adesso in poi dovrà essere un uomo maturo, una guida. A lui nuovamente il suo destino, ma questa volta anche quello di una nazione, innamorata della camicia bianco – azzurra e del suo eterno numero 10.