“Ciao belli!”

dicembre 11, 2008

Mentre scrivo le raffiche di vento che stanno flagellando Reggio Calabria pare si siano placate.

Oggi 11 dicembre 2008, un giorno come tanti altri non lo è. No, perché  Reggio oggi ricorda il Sindaco, compianto, Italo Falcomatà, che otto anni fa morì lasciando un vuoto culturale e politico nel suo schieramento politico ( da allora ancora alla ricerca di un’identità), ma non solo. Il Sindaco “della svolta”, del “sentirsi reggini” oltre i morti ammazzati, oltre l’infamante onta di capitale della ‘ndrangheta.

Falcomatà traghettò Reggio dal buio pesto della guerra di mafia che vedeva confrontarsi i De Stefano ai Condello, con le consorterie a fare da scudo. Oggi non è un giorno come tanti altri: catturato l’ultimo rampollo della famiglia mafiosa più potente del reggino – e nella black list dei 30 latitanti più pericolosi d’Italia -, Giuseppe De Stefano (classe 1969), appena rientrato per le feste natalizie nella città dello Stretto, ma anche per regolare dei conti per nome del suo casato.

Forse nemmeno il 2008 sarà un anno come gli altri, perché a Febbraio anche Pasquale Condello, il Supremo cadde nella rete degli investigatori: due boss, due arresti. Comune denominatore le forze dell’ordine e la stagione invernale, nemico giurato delle cosche.

Giuseppe De Stefano ritrae la nuova ‘ndrangheta: lupetto e giacca, occhiali. Nulla a che fare con i pastori erranti di qualche secolo orsono, nulla a che fare con termini stridenti come faida, clan, locale. Almeno in apparenza.

Tutto permea, anche l’insospettabilità. Anche quel “Ciao belli!”, rivolto a tutti noi attoniti attori di una scena che c’è stata affibiata dai nostri padri. O più semplicemente succubi conniventi di una mentalità mafiosa dell’omertà e della paura.

L’11 dicembre non è un giorno qualunque.

Immagini del video di Claudio Cordova – per maggiori informazione in merito all’arresto, clicca quì.

FedMin


Turismatico

ottobre 30, 2008

Scopelliti promoter in Lombardia, dopo il blitz della DDA

Panoramica Reggio Calabria – foto internet

Torno a parlare di Reggio e del suo sindaco, the special one Scopelliti. Nessuna critica, un’algebrica constatazione.

«Reggio Calabria una città da conoscere, un’occasione da non perdere».

Parola di “Peppe il Sindaco“. Leggevo oggi sulla Gazzetta del Sud dell’incontro svolto presso la sede dell’Assindustria lombarda, organizzata da Domenico Durante, reggino purosangue.

«Una città – ha detto Scopelliti – che negli ultimi sette anni ha ormai acquisito una propria identità specifica ed è proiettata a grandi passi verso un cammino di sviluppo virtuoso avviato con il sindaco Italo Falcomatà». Insomma, le condizioni per investire a Reggio Calabria ci sono tutte, come confermato anche dai dati macro-economici illustrati dal presidente della Camera di Commercio, Lucio Dattola, e dall’assessore ai Grandi eventi Antonella Freno che ha parlato di «un’apertura strategica ulteriori iniziative di sistema».

Continua, dunque, il ruolo di primo promoter (oltre che di Primo Cittadino) per Giuseppe Scopelliti, che non perde occasione per esaltare il lavoro svolto in questi anni di “amministrazione” della Città. Non più sola ‘nduja, melanzane e peperoncino, ma una città “turistica”.

Niente da obiettare, se non che le nostre strutture sono lontani anni – luce, per essere speranzosi, dai centri di ricettività illustri di Italia. Però, c’è sempre un però, vallo a spiegare al lumbard di turno che due giorni fa si è visto precipitare “dentro casa” media e forza dell’ordine per l’ennesimo blitz antidroga, questa volta nel bergamasco.

Come riferisce l’AGI, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Brescia su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. L’operazione, iniziata nella notte, ha interessato la zona di confine delle province di Bergamo e Brescia, a nord del lago d’Iseo. Gli arrestati, tutti cittadini italiani, si rifornivano di grossi quantitativi di cocaina da un affiliato alla ‘famiglia Onorato’ legata alla cosca Serraino-Libri, purosangue reggini anche loro.

Che peccato!  Eh sì, perché per quei pochi che non lo sapessero la cara e lontana Lombardia ha rappresentato per i clan un “appoggio pieno e incondizionato” da sempre. Questa volta, Peppe il Dj non è stato il primo a promuovere la nostra “immagine” lassù…


Tra “caffé” e lidi, la Reggio di ieri e di oggi

settembre 23, 2008

L’ omertà, nel suo senso di obbligo al silenzio. Non parrari, non t’ impicciari, non t’ intricari, atteggiamento che non riguarda soltanto i mafiosi.

Io m’impiccio. Recente è il dibattito scaturito da un articolo di Claudio Cordova, in merito alle dichiarazioni del Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti:

«Napoli e Reggio Calabria – ha detto il sindaco reggino – sono città molto diverse, Reggio ha i problemi di una città media ma è fra le più sicure d’Italia, al di là della ‘ndrangheta: questo è importante anche nella logica dello sviluppo turistico di un territorio. Da noi si può camminare per strada a qualsiasi ora, di giorno e di notte».

Il connubbio città sicura – ‘ndrangheta, effettivamente, è cacofonico. Possiamo proprio dire che è duro da digerire, senza mezze misure, però il contesto in cui è stato pronunciato è di per sé significativo: realmente Reggio ad oggi si presenta come una città cambiata, una città vivibile.

Mi perdonino le vecchie canizie e i neo-quarantenni, ma non posso ricordare il 1988, perchè proprio in quella primavera nacqui, di sicuro sono portatore sano di chi quella stagione l’ha vissuta da reggino al nord: la nostra città era l’emblema dell’arretratezza, della barbaria che non progredisce.

Una precisazione a lato urge: sono pienamente concordante con Antonino Monteleone quando afferma che:

Non si amministra Reggio Calabria aldilà della ‘ndrangheta. Non si sposta un mattone, non si pianta un chiodo, non si asfalta una strada, aldilà della ‘ndrangheta.

Però ciò non vuol dire che un’amministrazione, comunque (si può dissentire sulla forma, sul personaggio…), non può rilanciare un immagine, quella di Reggio, già in risalita dopo la primavera della gestione Falcomatà, come città turistica.

Inoltre posso dire che qualche mese fa ho avuto la possibiltà di incontrare Piero Vinci, comandante dell’Arma dei Carabinieri a Messina, col quale abbiamo dibattuto sul tema della “questione meridionale”.

La prima cosa che mi sorprese è la netta differenziazione che il graduato fece tra sicurezza percepita e sicurezza reale. Ma ancor più basito sono rimasto al sentire degli abitanti della città peloritana che dicevano che Messina «è una città “invivibile”, che la sera non si può camminare da soli per le strade».

Esagerazioni a parte, obbiettivamente sfido a fare un inchiestra tra abitanti di Reggio Calabria e provincia e sentire quanti di questi dichiarerebbero che Reggio sia altamente “pericolosa” di notte. Che c’azzecca dunque Piero Vinci con Giuseppe Scopelliti?

C’azzecca che Reggio, oggi, si può finalmente definire città. Non più paesazzo, ma lo stesso non si può dire dei suoi cittadini. E quì torno alla prima citazione, ossia quelle referente alla mentalità mafiosa, nonché omertosa. Non credo alle stime, quelle che in Calabria ci siano 1 affiliato ogni 3 persone. Grossolano come dato, credo, invece, che forse 1 su 5 non ha una mentalità mafiosa, del compromesso e del favore. Questo è allarmante.

Perchè, obiettivamente, a Reggio, soprattutto nelle Istituzioni e negli uffici pubblici, tutto ciò che ti è dovuto in realtà risulta sempre essere un atto galante del compare di turno. Che di elegante ha davvero poco.

Così mancano infrastrutture, perché gli investimenti sono “dirottati” verso questo o quel canale “giusto”; mancano servizi, perché negli uffici il posto è occupato da “amici degli amici”. La realtà è triste. Mi facevano notare proprio oggi che forse la microcriminalità è quasi “inesistente” per la presenza di Sua maestà la ‘ndrangheta. Togliamoci pure il forse.

L’aria in città è densa di profumi, da un lato la voglia di riscatto e di rappresentare nuovamente una città “bella, un pò gentile, e (come piace tanto a Peppe Dj e company) giovane“, dall’altro il tanfo nauseabondo di compromesso, omertà e “fronti basse”.

Ma che colpa ne ha Scopelliti in tutto questo? Doveva asserire che Reggio è una città inquinata, piena stracolma di feccia mafiosa?

La morale sta dentro ognuno di noi, non lo scopro certo io, quindi è ovvio che il clienterismo – “parentale”, l’oscurantismo, l’affiliazione in pensieri, opere e omissioni sono deplorevoli perchè tali, però si deve dare atto a Scopelliti che non rappresenta la corruzione in persona. Sintomatici i riconoscimenti elettorali (ricordiamo che, nel bene e nel male, il 70% di Reggio l’ha votato, per pura coscienza) sia politici visto che è presente nell’assise costitutiva del Pdl, in quota An.

Niente di personale nei suoi confronti, men che meno campagna elettorale (in vista della poltrona da governatore?), però ormai pare inflazionata la frase di Italo Falcomatà, unanimamente riconosciuto da destra e sinistra come il Sindaco di Reggio (soprattutto della sua rinascita culturale e sociale), dei caffé da prendere con chi di “dovere”.

Il buon Italo ha insegnato alla città un sillogismo breve ma incisivo, figlio dei suoi studi classici: ciò che serve è lo “zoon politikon”, l’uomo animale politico (non il politico!).

Il reggino che si impegna, s’impiccia. Che liberamente parla.

Fonti e bloggher citati: Claudio Cordova, Domenico Malara, Massimo Calabrò, Peppe Caridi, Antonino Monteleone.

federico minniti