La tettona: nuova misura anticrisi del governo.

gennaio 20, 2009

aula_montecitorio1

Più premesse che un vero e proprio articolo (e non mi dite che la butto in politica).

Innanzitutto chiedo perdono a tutti i miei sobri lettori, abituati a dei titoli sì, gridati, ma mai volgari come quello di questo post. Rivolgendomi sempre a questi, li rassicuro: non sono mica diventato di botto un amante della TV e del costume (non quello “da bagno”, intendo “moda”), anche se di carnevalesco qualcosa mi sovviene.

Infine premetto che le mie argomentazioni sul GF sono frutto (indebito) di alcune osservazioni fatte senza appurare di persona (il mio telecomando se ne rifiuta) ciò che questo programma televisivo ostenta. Mi baso su: ciò che leggo su Internet a tal proposito, alcuni spezzoni segnalatami dalla suddetta newsletters (le odio!) reperibili su YouTube e per finire su degli articoli apparsi sui quotidiani nazionali in merito al reality show condotto da Alessia Marcuzzi.

Quindi…

Mentre tutto il mondo sta ascoltando, in diretta, il discorso che Barack Obama sta pronunciando oggi nel giorno del suo Giuramento e del suo insediamento come inquilino n.1 della White House. Discorso che, per molti versi, accomunabile ad una svolta epocale della politica mondiale, arringa che l’avvocato dell’Illinois userà per convincere l’intero pianeta che il cambiamento è arrivato.

Mentre su Gaza, probabilmente oggi molti dei militari israeliani abbandoneranno la scena del crimine di una guerra sottaciuta, poi urlata, poi di nuovo ricacciata nel limbo del silenzio.

Mentre 9 medici sono alla sbarra per il caso della sedicenne Federica Monteleone, uccisa dall’incuria e dalla grettezza di uomi in camice bianco e da un sistema corrotto che va a proteggere sempre e solo chi commette gli errori.

Noi italiani siamo condannati ad essere tempestati dalle notizie che ci piovono direttamente dalla casa del Grande Fratello, giunto alle 9a edizione. E che dire mai così reality!

Cristina Del Basso, da quando è apparsa lei in TV pare che la crisi economica sia svanita. (foto internet)

Cristina Del Basso, da quando è apparsa lei in TV pare che la crisi economica sia svanita. (foto internet)

Agli occhi sobbalzano le misure extra-large di Cristina Del Basso, che da lap dancer e aspirante velina, ha chiuso il suo cursus honorum rinchiudendosi, assieme al suo prosperoso seno (che vive di ninfa propria) all’interno della casa più spiata di Cinecittà (anche perché solo questa ce sta!).

Dentro la casa è arrivato pure un calabro – romano, tal Jerry, che è portatore di un grave handicap fisico, ossia è cieco dalla nascita. Ieri alla sua entrata pare che una folata di humanitas abbia travolto il postribolo del The Big Brother is watching you. Tutti a piagné per il povero Jerry. Niente di più compassionevole.

Ultima chicca, la diatriba fra l’Arcigay e una concorrente, accusata di essere razzista e omofoba.

Sessualmente parlando il GF non accetta lezioni da nessuno. La forma legalizzata della volgarità pornografante del nostro Bel Paese infatti quest’anno ha davvero colto nel segno. Tutti a criticare come questa TV spazzatura sia vuota di sensi e significati. Allora perché non ci buttiamo dentro tutti i valori (la sessualità, l’handicap, la discriminazione) e svuotiamoli, uno ad uno.

Strobe – tv all’ennesima potenza. Davvero l’occhio inquieto del Grande Fratello sta spiando a casa nostra. La rivincita della neo-paleo televisione che pareva accantonata con l’avvento di Sky che invece riesce a tornare in voga, con la tattica di sempre. Stravolgere la normalità, spacciandola per realtà.

Prometto: torno a parlare di politica e giudiziaria.

Annunci

Silvio Chewingum’s

ottobre 11, 2008

immagine da Internet

I primi mesi di una “creatura” sono sempre corredati da stupore, attesa, felicità. Lo stesso non si può dire per le prime battute che tutti e tre i governi Berlusconi hanno passato: il Silvio I troppo breve per essere un governo, il  Berluscabis che pochi mesi dopo l’inconorazione vede il colpo al cuore del mondo dell’11 settembre e, infine, il III mandato firmato dal Cavaliere da Arcore che vede la più grande recessione mondiale che proprio oggi 11 ottobre, vede la chiusura più “nera” dal ’29 ad oggi.

Roba da Great depression a cui storicamente “deve” succedere un New Deal, un nuovo corso. Ed è quello che il “povero” Berlusconi spera che accada: sono di queste ore i suoi inviti agli investitori di continuare a spingere le azioni, di non “vendere”. Un presidente, un broker come sarcasticamente lo rinominano Vuolter and company.

Certo Berlusconi che aveva promesso mare e monti, ossia ‘o miracolo napoletano e il “decollo” della nuova Alitalia, si trova a fronteggiare un nuovo problema incalcolato, o quasi. Perchè se l’11 settembre lasciò tutti di stucco, questo grande periodo di crisi delle banche è stato preannunciato da (udite udite) Giulio Tremonti, che ben 2 anni fa, fu tacciato dal Padoa Schioppa di turno come “catastrofista”.

Il problema è di quelli che scotta, c’è chi richiama alla memoria gli antichi bot statali, chi la cara e vecchia “mattonella”. Gli economisti credono che questa bubble burst sia, in termini finanziali, come un “biscotto, che se piove si scioglie” (cfr Jim Carrey). Una grande esplosione del chewingum più costoso del mondo, che ci farà masticare amaro.

Un corno napoletano per Silvio, dunque, ma anche per tutti i risparmiatori alla deriva.