Tra ultimo posto e il Capo gabinetto, ecco il dramma di Loiero Presidente

settembre 15, 2008

“Non può piovere per sempre”. No, non è un attacco di nostalgia per Alex Proyas e il mitologico (ormai) film “Il corvo”. E’ ciò che Agazio Loiero si ripete da circa 3 anni, invece puntualmente piove. Anzi grandina. Povero Governatore!

Un giorno gli arrestano un’Assessore, il giorno dopo esce fuori un’indagine. Ma così non si fa? Stoico resiste, adesso si sà pure che Giuseppe Strangio che di mestiere fa il capo gabinetto di Bova (che di mestiere il presidente del Consiglio Regionale) incassa a fine anno la miseria di 160.452 euro, mentre Giampaolo Latella (che di mestiere farebbe il giornalista come papà, Antonio Latella) portavoce ne percepisce solo 117.006, euro ovviamente.

La questione spinosa, a poco dire, è stata già largamente discussa e riportata sia dai media tradizionali che dai blog dello stakanovista Monteleone, dall’acuto Malara e dall’ecclettico Meliadò. Vi rimando a loro per una visione più completa del caso.

Dulcis in fundo ecco la classifica dei buoni e dei cattivi per i Governatori.
No! Non ci posso credere Agazio, sì proprio lui è al penultimo posto, seguito solo da Bassolino coperto da un cumulo di spazzatura. Il buon Loiero che fa buon viso a cattivo gioco è lì martire del Pd, non si può neppure dimettere. Lombardo dirimpettaio siculo gli sorride sornione, lui con un posto al sole primo, mentre il presidente calabro ha solo un punto e una figura in più del governatore della Campania, quel punto e una figura che lo obbliga a giocare, nonostante non ha alcuna potenzialità per vincere la partita.

Ironia della sorte la stessa classifica, questa volta, per i Sindaci vede in cima Peppe Scopelliti. No, caro Agazio, può piovere a lungo. Troppo a lungo.

Annunci