Pdl: cosa cambia Cosenza?

giugno 19, 2009

pubblicato su Messin.it

Il Comandante Berlusconi si auspica un "cambiamento" dopo le provinciali a Cosenza

Il Comandante Berlusconi si auspica un "cambiamento" dopo le provinciali a Cosenza

Da svolta epocale a bufala, il passo è breve.

L’elezioni provinciali di Cosenza sono un caso atipico, allorché unico del panorama politico nazionale. Storicamente il cuore della Calabria è una roccaforte rossa che esprime uomini di grossa caratura per tutto il proscenio della sinistra italiana. La terra bruzia diede i natali a quel Giacomo Mancini, segretario pro tempore del Psi dal 1970 al 1976, detto dai compagni del partito “Il traghettatore”, per la sua lungimiranza politica avendo già all’epoca individuato in Bettino Craxi l’uomo giusto per il socialismo all’italiana.

Per i calabresi fu “Il Caronte” per un posto al sole, il famigerato “posto fisso”: più e più volte Ministro (prima Sanità, poi Lavori Pubblici, infine al dicastero del Mezzogiorno), l’avvocato antifascista di stampo nenniano riuscì ad aggraziarsi a più riprese Moro e tutta la sua corrente democristiana.

Il deputato calabrese ha un nipote che di nome fa Giacomo jr e che, con tutta probabilità, fra sei mesi siederà fra i banchi del parlamento europeo a Bruxelles. Tra le fila del Ppe, firmato Silvio Berlusconi. Proprio vero, il primo amore non si scorda mai e il Cavaliere non ha mai rinnegato le sue radici socialiste, tanto da inglobare nel mare magnum del Pdl il nuovo volto dei Mancini.

Ma il Presidente del Consiglio ha amici di vecchio stampo a Cosenza, i fratelli Gentile: i portaborse di quel Giacomo Mancini, che fino alla morte si trascinò un processo fastidioso che lo vedeva “vicino” alle cosche malavitose del reggino. Sì, dopo l’ambaradan della rivolta di Reggio, i De Stefano che avevano appoggiato “militarmente” la sommossa popolare ebbero il loro “contentino”. Ma questa è storia passata, come direbbe Lucarelli a “Blu Notte”.

Torniamo ai Gentile, a Pino, colui che è il candidato di Re Silvio a Cosenza. Dal 1962 entra ed esce dai luoghi di potere ed ha nelle mani moltissimi voti (basti pensare che nel 2000 è tra i primi 10 eletti d’Italia, si narra che da questo exploit diventi “di casa” ad Arcore). Pino Gentile però si è fermato al 37, 2 % in questa tornata provinciale, in questa urna della svolta per ridare al centrodestra Cosenza dopo oltre 50 anni. Il suo avversario Gerardo Mario Oliviero, uscente, però non è riuscito ad aggiudicarsi la poltrona ottenendo il 46, 9 %.

Numeri a cui vanno aggiunti l’ottimo risultato di un deputato, tal Roberto Occhiuto (considerato dagli addetti ai lavori un nome buono in caso di apparentamento tra Casini e Berlusconi in vista dell’appuntamento con le Regionali del 2010, per la carica di Governatore della Calabria, in barba al sindaco più amato d’Italia Peppe Scopelliti) che raccoglie il 10, 4 % dei consensi. Al ballottaggio Occhiuto sta con Gentile (e il Cavaliere in persona fa uno spot per quest’ultimo, annunciando tra l’altro che l’A3 SA – RC sarà commissionata, come paventato per la Sanità), l’alchimia vecchia quanto la politica manciniana dell’inciucio Psi – Dc. Altro che svolta epocale, tutto resta immutabile come prima, gli stessi nomi, forse gli stessi partiti.

La Provincia di Cosenza determinerà anche gli equilibri per l’elezioni del 2010 che chiameranno a raccolta i calabresi nello scegliere chi guiderà la Regione: Loiero è forte dell’imponente risultato tracciato dal suo uomo all’Europee quel Mario Pirillo che ha risollevato le sorti in casa Pd; nel centrodestra la confusione regna sovrana: a Reggio il Pdl sfonda il tetto del 42% dei consensi dell’ultime elezioni per Bruxelles, ma i candidati reggini pare essere in seconda linea rispetto agli amici cosentini di Silvio.

Domenica 21 giugno, forse, sapremo chi sarà il duellante di Agazio Loiero per la cocente seggiola di guida della Punta dello Stivale.


La nobilpolitica è neocalabra

settembre 17, 2008

Gubbio come Stalingrado. Roba da far sussultare il parrucchino, ma orbene di questo si tratta. La Scuola di Alta Formazione di FI segna l’ennesimo colpo di scena nel flirt Pdl – Palazzo Campanella.

Un storia importante di quelle a cui manca solo il sigillo. Che arriva (da quanto riportato da CalabriaOra) direttamente dal Cremlino – Arcore. Una telefonata che sa di incoronamento o di fumo negli occhi. dipende. I saggi della politica chiedono tempo al tempo, perchè sanno che le chiamate allungano la vita, a volte agonizzano, a volte danno la trambata decisiva. Ciò che più conta è che Mancini junior possiede le chiavi del Castello. Parola di Berlusconi.

CalabriaOra che di scoop se ne intende, dunque trova anche il tassello mancante ad un altro flirt, un pò più mondaiolo, fatto di notti bianche e apprezzabilità, quello con Giuseppe Scopelliti. Inciuci a Cosenza, borbottava il primo cittadino reggino. Eccogli la risposta. Chi fu la Sinistra calabrese ora è canditato (previa impianto telefonico) ad essere l’immagine della Destra, made in Calabria. Altro che inciucio, quì si tratta di tradimento. Il giorno dopo che l’Emka aveva dato scettro e corona a Scopelliti come Sindaco più Sexy, Bravo, Amato d’Italia.

La “manovra” è ardua, un sorpasso a Destra. Fate passare gente! Se Giacomo Mancini siederà tra i banchi del Pdl dell’Assemblea Regionale allora davvero Arcore potrà dirsi Cremlino, no un refuso, ma un revival di una storia recente tutta calabra, ovviamente.


Tra ultimo posto e il Capo gabinetto, ecco il dramma di Loiero Presidente

settembre 15, 2008

“Non può piovere per sempre”. No, non è un attacco di nostalgia per Alex Proyas e il mitologico (ormai) film “Il corvo”. E’ ciò che Agazio Loiero si ripete da circa 3 anni, invece puntualmente piove. Anzi grandina. Povero Governatore!

Un giorno gli arrestano un’Assessore, il giorno dopo esce fuori un’indagine. Ma così non si fa? Stoico resiste, adesso si sà pure che Giuseppe Strangio che di mestiere fa il capo gabinetto di Bova (che di mestiere il presidente del Consiglio Regionale) incassa a fine anno la miseria di 160.452 euro, mentre Giampaolo Latella (che di mestiere farebbe il giornalista come papà, Antonio Latella) portavoce ne percepisce solo 117.006, euro ovviamente.

La questione spinosa, a poco dire, è stata già largamente discussa e riportata sia dai media tradizionali che dai blog dello stakanovista Monteleone, dall’acuto Malara e dall’ecclettico Meliadò. Vi rimando a loro per una visione più completa del caso.

Dulcis in fundo ecco la classifica dei buoni e dei cattivi per i Governatori.
No! Non ci posso credere Agazio, sì proprio lui è al penultimo posto, seguito solo da Bassolino coperto da un cumulo di spazzatura. Il buon Loiero che fa buon viso a cattivo gioco è lì martire del Pd, non si può neppure dimettere. Lombardo dirimpettaio siculo gli sorride sornione, lui con un posto al sole primo, mentre il presidente calabro ha solo un punto e una figura in più del governatore della Campania, quel punto e una figura che lo obbliga a giocare, nonostante non ha alcuna potenzialità per vincere la partita.

Ironia della sorte la stessa classifica, questa volta, per i Sindaci vede in cima Peppe Scopelliti. No, caro Agazio, può piovere a lungo. Troppo a lungo.