Né martiri, né eroi

ottobre 17, 2008

Strana la sorte di Roberto Saviano. Sempre appesa alla doppia lama della giustizia e della malavita, sempre pronto da un momento all’altro a “saltare in aria“.

Prendo spunto dal post di Domenico Malara, a proposito per dare una mia “versione dei fatti”, attraverso questo videopost che ho fatto: una condizione quella dello scrittore – giornalista campano molto simile ad altri “martiri” antimafia.

Sono concorde con chi afferma che non bisogna incensare, idolatrare, santificare questi “personaggi scomodi”, però le parole di omertà e di abbandono che questi ragazzi di Casal di Principe pronunciano, davvero palesano una resa incondizionata alla malavita.

Reggio non sarà come Napoli, Reggio è immersa nella ‘ndrangheta, fino al collo. Questo il motivo del mio intervento: la rassegnazione è peggio di mille bombe. È così che le mafie ti mettono all’angolo di un ring molto particolare che è la vita, ti stringono alle corde.

Perchè lo Stato non può mostrarsi come una luce stroboscopica, un’intermittenza tra l’esserci e il non esserci. L’Esercito fa solo tanta polvere.


Editoria: crisi Finedit srl

ottobre 6, 2008

Succede anche nelle migliori famiglie, così dopo 11 anni, il Quotidiano della Calabria ha dichiarato lo stato di crisi.

Nonostante la costante crescita della diffusione negli ultimi anni, la testata giornalistica dell’editore Francesco Dodaro ha chiuso l’ultimo bilancio con una perdita di 650mila euro, una situazione economica davvero insostenibile per la Finedit srl.

La proprietà ha l’intenzione di avviare l’iter della cassa integrazione da parte del Ministero del Lavoro, ma non si sono fatte attendere le reazioni dalla FNSI regionale, nella persona di Carlo Parisi che plaude al Cdr del giornale, che ha bocciato il piano di risanamento.

Così il segretario del sindacato dei giornalisti calabresi per Apc: « Non si esce dalla crisi licenziando i giornalisti: piena e convinta solidarietà ai colleghi de “Il Quotidiano”, i quali hanno proclamato lo stato di agitazione. Esprimendo apprezzamento per il serio e responsabile lavoro svolto dal Cdr, che ha presentato ben due proposte alternative, finalizzate alla riduzione dei costi anche con pesanti sacrifici per i giornalisti ».

« Più volte la testata è stata ammonita sul serio rischio rappresentato dalla vertiginosa crescita del corpo redazionale che ha, ormai, raggiunto le 49 unità ».

Un duro colpo per l’editoria calabrese, nonché per i lettori affezionati ad un giornale che forniva un’informazione equilibrata e “sulla notizia“. Attendiamo futuri risvolti.