Il Rosso e il Nero

gennaio 30, 2009
Copertina del giornale "Bella Ciao" (fonte Internet)

Copertina del giornale "Bella Ciao" (fonte Internet)

No, non mi sono dato alla letteratura.

Semplicemente osservo che due casi speculari in Italia ci rigettano nell’antica dicotomia politica che pareva esser finita in cantina. Invece quì c’è l’errore: altro che ideologie finite, altro che morte degli “ismi“. Il nostro Paese è covo fecondo di questi eversivi, che pilotano un messaggio politico purché diventi excusatio per la violenza, alla facca di Sorel e del suo credo.

Il Rosso.

Diciamoci la verità: i centri sociali sono i figli minori delle Br. Mio Dio, facciamo le debite distinzioni. Però chi di voi è entrato in questi luoghi sa che crescono (in questo momento il suono grow inglese mi rende familiare ciò che voglio dire) delle perversioni sociali e politiche al limite col paradossale. Sono gli stessi che adesso abbraccerebbero con calore Cesare Battisti. Avrà ragione Domenico Malara quando nel suo blog si interroga se il brigatista sia vittima di un inciucio di Stato?

La cosa che non mi spiego è perché il suddetto Battisti continui ad essere rinominato con l’etichetta “ex terrorista”. Ma perché esiste un prima o un dopo? Un pentimento? Il Cesare carioca continua a negare tutto, continua a dire che lui è vittima del sistema. Ma allora perché “ex”? Ma se così convinto di ciò di cui parla, perché penalmente non torna in Italia a farsi giudicare? Mi pare tanto si tratti dello stesso caso di Giovanni Strangio (vi raccomando un accortezza, del link leggete i commenti, sono gustosi!!), si professa innocente ma fugge dalla giustizia.

Il Nero.

Amo la semplicità, quindi la scelta dei colori che mi danno molto l’aria schematica del Così o Cosà, non devono offendere nessuno. Non voglio apparire populista e demagogico, lungi da me.

afp_13946864_285502Arriviamo al dunque: un’indagine svolta sul territorio italiano dimostra che quasi il 12% della cittadinanza prova un sentimento antisemita. Non voglio fare catastrofismo, però l’aria puzza e bisogna avvertirla questa sensazione: le crociate della Lega (che considero uno dei “partiti” più veri d’Italia, politicamente e non partiticamente parlando), ma anche tanti altre vicende di cronaca nera hanno indirizzato l’opinione pubblica a credere che il nemico sia lo straniero, il diverso.

Non sto quì a scrivere di proselitismo della multietnia, ma so bene che spesso il punto di vista sfoca se da lente di ingrandimento fanno solo gli atti di negatività. Mi spiego: siamo d’accordo che molti extracomunitari giungono in Italia belli e impacchettati per delinquere. Molto dipende dal sostrato che incontrano.

Chi vive a Reggio non può che sperare in una chiusura delle frontiere: quì l’unico desiderio è quello di sfruttare questi individui in preda alla disperazione (ma anche alla loro mente criminale). Apriamo gli occhi: è quello che è successo ai meridionali italiani in America, è quello che storicamente è successo coi Rom in Italia. Che i rumeni vivano in Italia una sorta di pax giuridica (il nostro ordinamento è una pacchia in confronto al loro) ne siamo tutti consapevoli e perciò richiediamo a gran voce più durezza nelle pene.

Però molta dell’industria manifatturiera italiana, per intenderci andate a Rosarno e vedete presso molte “fabbriche” chi ci lavora, va avanti solo grazie agli immigrati, spesso clandestini, spesso sottopagati, ma il più delle volte persone civili e per bene. Pigiare sul pedale dell’intolleranza è sbagliato. L’Italia è degli Italiani, ma ricordiamo che gli Italiani sono nel Mondo.

Bisogna diffondere la cultura della tolleranza, anche a sembrare scontati e fuoriluogo. Mi pare che il tempo delle “crociate” sia scaduto, perché impelagarci negli urli antisemiti ancora?

Dicotomico? Sì, grazie. Perchè politica = amministrazione della cosa pubblica. Non complichiamoci la vita.

Mi è sembrato carino chiudere questo pezzo molto “colorato”, con la nota di “costume” apparso ieri proprio durante il Chiambretti Night. Milingo’s wife show!

Annunci

Le legge è uguale per tutti: a casa!

gennaio 27, 2009
Ormai rimane l'ombre che sia un'utopia la Giustizia (foto Internet)

Ormai non ci rimane pensare che sia un'utopia la Giustizia (foto Internet)

E poi ci domandiamo perché i giornalisti di giudiziaria sono gli unici ad avere appeal tra il pubblico. Perché sono gli unici che intendono il termine Giustizia con la sua giusta e retta connotazione. C’è da fare un distinguo però: tra quelli che di professione fanno i surfisti e quindi hanno l’accanimento terapeutico contro il Divo Giulio di turno e quelli che solerti e silenziosi fanno il loro sacrosanto lavoro.

Ho scelto di appartenere ahimé a quest’ultima schiera e non scrivo per incensarmi il capo, ma per dar atto che siamo proprio in un Paese che più che uno Stato civile sembra una cagata pazzesca. Eh sì, cari noi aveva ragione il ragionier Fantozzi, mi domando e dico: tutti i nostri grandi intellettuali dell’anticrimine ad accanirsi contro il Lodo Alfano, pure i banchetti (in un tempo di magra, al posto della frutta si cerca di vendere La Qualunque) oppure contro le dichiarazioni fuori-di-senno del premier Silvio Berlusconi. Ma mai nessuno che centri il problema?

Dice bene l’amico Domenico Malara, quando saggiamente constatata che in Italia la certezza della pena è davvero un caso da Scherzi a parte, ove anche chi si autoaccusa, tempo lampo si ritrova bello e comodo sul divano di casa a guardare la TV. Gli stupri, senza far intervenire l’esercito, sono tra i crimini più abberranti che la mente umana possa concepire. Crimini che sono all’ordine del giorno e che vedono un incertezza dell’ordinamento giuridico da far paura.

Oggi il ministro Alfano (concordo in toto con Claudio Cordova quando dice che, Lodo a parte, il suo operato merita un plauso bipartisan che non arriverà mai, vedi sopra i professionisti che cantano in coro “Noi siamo i giovani, i giovani…“) parlava di emergenza – giustizia: il limite, la macchia è l’estrema lentezza. E ci risiamo.

Potremmo obiettare, chi come me preferirebbe il linciaggio che i domiciliari per Davide Franceschini (il reo confesso dello stupro della notte di Capodanno), che in taluni casi è troppo celere, troppo. Una storia già vista questa.

Troppe volte siamo a recriminare su sentenze alquanto “strane”: il giudice (che bel titolo questo!) Marina Finiti, oggi cala il sipario sull’ennesima tragicommedia all’Italiana. Forse è vero che fra qualche anno casi di Cesare Battisti non ce ne saranno più. All’epoca gli omicidi si punivano, oggi si mandano a casa, poveri un pò di calore domestico.

La vita straziata di chi subisce violenza sessuale quella no, non torna più indietro, sul divano davanti alla TV.


Turismatico

ottobre 30, 2008

Scopelliti promoter in Lombardia, dopo il blitz della DDA

Panoramica Reggio Calabria – foto internet

Torno a parlare di Reggio e del suo sindaco, the special one Scopelliti. Nessuna critica, un’algebrica constatazione.

«Reggio Calabria una città da conoscere, un’occasione da non perdere».

Parola di “Peppe il Sindaco“. Leggevo oggi sulla Gazzetta del Sud dell’incontro svolto presso la sede dell’Assindustria lombarda, organizzata da Domenico Durante, reggino purosangue.

«Una città – ha detto Scopelliti – che negli ultimi sette anni ha ormai acquisito una propria identità specifica ed è proiettata a grandi passi verso un cammino di sviluppo virtuoso avviato con il sindaco Italo Falcomatà». Insomma, le condizioni per investire a Reggio Calabria ci sono tutte, come confermato anche dai dati macro-economici illustrati dal presidente della Camera di Commercio, Lucio Dattola, e dall’assessore ai Grandi eventi Antonella Freno che ha parlato di «un’apertura strategica ulteriori iniziative di sistema».

Continua, dunque, il ruolo di primo promoter (oltre che di Primo Cittadino) per Giuseppe Scopelliti, che non perde occasione per esaltare il lavoro svolto in questi anni di “amministrazione” della Città. Non più sola ‘nduja, melanzane e peperoncino, ma una città “turistica”.

Niente da obiettare, se non che le nostre strutture sono lontani anni – luce, per essere speranzosi, dai centri di ricettività illustri di Italia. Però, c’è sempre un però, vallo a spiegare al lumbard di turno che due giorni fa si è visto precipitare “dentro casa” media e forza dell’ordine per l’ennesimo blitz antidroga, questa volta nel bergamasco.

Come riferisce l’AGI, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Brescia su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. L’operazione, iniziata nella notte, ha interessato la zona di confine delle province di Bergamo e Brescia, a nord del lago d’Iseo. Gli arrestati, tutti cittadini italiani, si rifornivano di grossi quantitativi di cocaina da un affiliato alla ‘famiglia Onorato’ legata alla cosca Serraino-Libri, purosangue reggini anche loro.

Che peccato!  Eh sì, perché per quei pochi che non lo sapessero la cara e lontana Lombardia ha rappresentato per i clan un “appoggio pieno e incondizionato” da sempre. Questa volta, Peppe il Dj non è stato il primo a promuovere la nostra “immagine” lassù…


Né martiri, né eroi

ottobre 17, 2008

Strana la sorte di Roberto Saviano. Sempre appesa alla doppia lama della giustizia e della malavita, sempre pronto da un momento all’altro a “saltare in aria“.

Prendo spunto dal post di Domenico Malara, a proposito per dare una mia “versione dei fatti”, attraverso questo videopost che ho fatto: una condizione quella dello scrittore – giornalista campano molto simile ad altri “martiri” antimafia.

Sono concorde con chi afferma che non bisogna incensare, idolatrare, santificare questi “personaggi scomodi”, però le parole di omertà e di abbandono che questi ragazzi di Casal di Principe pronunciano, davvero palesano una resa incondizionata alla malavita.

Reggio non sarà come Napoli, Reggio è immersa nella ‘ndrangheta, fino al collo. Questo il motivo del mio intervento: la rassegnazione è peggio di mille bombe. È così che le mafie ti mettono all’angolo di un ring molto particolare che è la vita, ti stringono alle corde.

Perchè lo Stato non può mostrarsi come una luce stroboscopica, un’intermittenza tra l’esserci e il non esserci. L’Esercito fa solo tanta polvere.


Tra “caffé” e lidi, la Reggio di ieri e di oggi

settembre 23, 2008

L’ omertà, nel suo senso di obbligo al silenzio. Non parrari, non t’ impicciari, non t’ intricari, atteggiamento che non riguarda soltanto i mafiosi.

Io m’impiccio. Recente è il dibattito scaturito da un articolo di Claudio Cordova, in merito alle dichiarazioni del Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti:

«Napoli e Reggio Calabria – ha detto il sindaco reggino – sono città molto diverse, Reggio ha i problemi di una città media ma è fra le più sicure d’Italia, al di là della ‘ndrangheta: questo è importante anche nella logica dello sviluppo turistico di un territorio. Da noi si può camminare per strada a qualsiasi ora, di giorno e di notte».

Il connubbio città sicura – ‘ndrangheta, effettivamente, è cacofonico. Possiamo proprio dire che è duro da digerire, senza mezze misure, però il contesto in cui è stato pronunciato è di per sé significativo: realmente Reggio ad oggi si presenta come una città cambiata, una città vivibile.

Mi perdonino le vecchie canizie e i neo-quarantenni, ma non posso ricordare il 1988, perchè proprio in quella primavera nacqui, di sicuro sono portatore sano di chi quella stagione l’ha vissuta da reggino al nord: la nostra città era l’emblema dell’arretratezza, della barbaria che non progredisce.

Una precisazione a lato urge: sono pienamente concordante con Antonino Monteleone quando afferma che:

Non si amministra Reggio Calabria aldilà della ‘ndrangheta. Non si sposta un mattone, non si pianta un chiodo, non si asfalta una strada, aldilà della ‘ndrangheta.

Però ciò non vuol dire che un’amministrazione, comunque (si può dissentire sulla forma, sul personaggio…), non può rilanciare un immagine, quella di Reggio, già in risalita dopo la primavera della gestione Falcomatà, come città turistica.

Inoltre posso dire che qualche mese fa ho avuto la possibiltà di incontrare Piero Vinci, comandante dell’Arma dei Carabinieri a Messina, col quale abbiamo dibattuto sul tema della “questione meridionale”.

La prima cosa che mi sorprese è la netta differenziazione che il graduato fece tra sicurezza percepita e sicurezza reale. Ma ancor più basito sono rimasto al sentire degli abitanti della città peloritana che dicevano che Messina «è una città “invivibile”, che la sera non si può camminare da soli per le strade».

Esagerazioni a parte, obbiettivamente sfido a fare un inchiestra tra abitanti di Reggio Calabria e provincia e sentire quanti di questi dichiarerebbero che Reggio sia altamente “pericolosa” di notte. Che c’azzecca dunque Piero Vinci con Giuseppe Scopelliti?

C’azzecca che Reggio, oggi, si può finalmente definire città. Non più paesazzo, ma lo stesso non si può dire dei suoi cittadini. E quì torno alla prima citazione, ossia quelle referente alla mentalità mafiosa, nonché omertosa. Non credo alle stime, quelle che in Calabria ci siano 1 affiliato ogni 3 persone. Grossolano come dato, credo, invece, che forse 1 su 5 non ha una mentalità mafiosa, del compromesso e del favore. Questo è allarmante.

Perchè, obiettivamente, a Reggio, soprattutto nelle Istituzioni e negli uffici pubblici, tutto ciò che ti è dovuto in realtà risulta sempre essere un atto galante del compare di turno. Che di elegante ha davvero poco.

Così mancano infrastrutture, perché gli investimenti sono “dirottati” verso questo o quel canale “giusto”; mancano servizi, perché negli uffici il posto è occupato da “amici degli amici”. La realtà è triste. Mi facevano notare proprio oggi che forse la microcriminalità è quasi “inesistente” per la presenza di Sua maestà la ‘ndrangheta. Togliamoci pure il forse.

L’aria in città è densa di profumi, da un lato la voglia di riscatto e di rappresentare nuovamente una città “bella, un pò gentile, e (come piace tanto a Peppe Dj e company) giovane“, dall’altro il tanfo nauseabondo di compromesso, omertà e “fronti basse”.

Ma che colpa ne ha Scopelliti in tutto questo? Doveva asserire che Reggio è una città inquinata, piena stracolma di feccia mafiosa?

La morale sta dentro ognuno di noi, non lo scopro certo io, quindi è ovvio che il clienterismo – “parentale”, l’oscurantismo, l’affiliazione in pensieri, opere e omissioni sono deplorevoli perchè tali, però si deve dare atto a Scopelliti che non rappresenta la corruzione in persona. Sintomatici i riconoscimenti elettorali (ricordiamo che, nel bene e nel male, il 70% di Reggio l’ha votato, per pura coscienza) sia politici visto che è presente nell’assise costitutiva del Pdl, in quota An.

Niente di personale nei suoi confronti, men che meno campagna elettorale (in vista della poltrona da governatore?), però ormai pare inflazionata la frase di Italo Falcomatà, unanimamente riconosciuto da destra e sinistra come il Sindaco di Reggio (soprattutto della sua rinascita culturale e sociale), dei caffé da prendere con chi di “dovere”.

Il buon Italo ha insegnato alla città un sillogismo breve ma incisivo, figlio dei suoi studi classici: ciò che serve è lo “zoon politikon”, l’uomo animale politico (non il politico!).

Il reggino che si impegna, s’impiccia. Che liberamente parla.

Fonti e bloggher citati: Claudio Cordova, Domenico Malara, Massimo Calabrò, Peppe Caridi, Antonino Monteleone.

federico minniti


Tra ultimo posto e il Capo gabinetto, ecco il dramma di Loiero Presidente

settembre 15, 2008

“Non può piovere per sempre”. No, non è un attacco di nostalgia per Alex Proyas e il mitologico (ormai) film “Il corvo”. E’ ciò che Agazio Loiero si ripete da circa 3 anni, invece puntualmente piove. Anzi grandina. Povero Governatore!

Un giorno gli arrestano un’Assessore, il giorno dopo esce fuori un’indagine. Ma così non si fa? Stoico resiste, adesso si sà pure che Giuseppe Strangio che di mestiere fa il capo gabinetto di Bova (che di mestiere il presidente del Consiglio Regionale) incassa a fine anno la miseria di 160.452 euro, mentre Giampaolo Latella (che di mestiere farebbe il giornalista come papà, Antonio Latella) portavoce ne percepisce solo 117.006, euro ovviamente.

La questione spinosa, a poco dire, è stata già largamente discussa e riportata sia dai media tradizionali che dai blog dello stakanovista Monteleone, dall’acuto Malara e dall’ecclettico Meliadò. Vi rimando a loro per una visione più completa del caso.

Dulcis in fundo ecco la classifica dei buoni e dei cattivi per i Governatori.
No! Non ci posso credere Agazio, sì proprio lui è al penultimo posto, seguito solo da Bassolino coperto da un cumulo di spazzatura. Il buon Loiero che fa buon viso a cattivo gioco è lì martire del Pd, non si può neppure dimettere. Lombardo dirimpettaio siculo gli sorride sornione, lui con un posto al sole primo, mentre il presidente calabro ha solo un punto e una figura in più del governatore della Campania, quel punto e una figura che lo obbliga a giocare, nonostante non ha alcuna potenzialità per vincere la partita.

Ironia della sorte la stessa classifica, questa volta, per i Sindaci vede in cima Peppe Scopelliti. No, caro Agazio, può piovere a lungo. Troppo a lungo.