Harakiri all’italiana

La disfatta è servita.

Eroico Francesco Totti che ha visto sfumare il passaggio ai quarti dopo l'errore di Tonetto dagli 11 mt.

Eroico Francesco Totti che ha visto sfumare il passaggio ai quarti dopo l'errore di Tonetto dagli 11 mt.

Tutte e tre le speranze tricolore svanite in un turno, gli ottavi, troppo precoce per essere renumerato negli eventi storici di un club. Obiettivamente Chelsea e Manchester si sono dimostrate davvero troppo forti, mentre la Roma è incappata nella sfortuna abissale dei calci di rigore.

Un forte passo indietro per il nostro calcio che vede ancora in lizza (nell’Europa “B”) la sola Udinese a caccia di un titolo internazionale, che appare sempre più un miraggio.  Ciò che brucia di più sono i tempi e i luoghi: certo esserci all’Olimpico il 27 Maggio da spettatori sarà un duro colpo per il nostro movimento – calcio che appena 3 anni fa alzava al cielo la Coppa del Mondo in quel di Berlino e che l’anno dopo ha visto bissare dal Milan (caro Mourinho è la storia a parlare) il successo in Champions.

Le gare: se la Juve davvero doveva affrontare una gara impari anche se non ci fosse stato quel gollonzo di Essien a fine primo tempo molto probabilmente avremmo assistito ad una gara completamente diversa: ma con i sé e con i ma non si va da nessuna parte.

La Roma esce con gli onori delle armi: spuntata, malconcia con un Totti grande così e coi rimpianti più amari di tutte e tre le formazioni impegnate; essere stato ad 11 metri da una vittoria stoica ha minato profondamente l’ambiente giallorosso. Un ciclo finito, emblematico il passaggio ad Almunia di Vucinic (il peggior rigore mai visto nella storia del calcio, dopo il colpo agricolo di Billy Costacurta in finale dell’Intercontinentale, nel 2004).

Per l’Inter non ci sono alibi: non si può ricorrere ai legni colti da Ibrahimovic e da Adriano, né alle due occasioni sprecate da Stankovic (cambio affrettato). Questa è una sconfitta che brucia e che fa riflettere che alla prima vera sfida negli ultimi 4 anni contro una grande la squadra nerazzurra non è stata all’altezza di fare menchemeno il gol della bandiera. E stiamo parlando della squadra Campione d’Italia in carica e probabile confermata.

Si può uscire col Manchester Utd, che sia chiaro. Però Ferguson ha fatto il bravo maestro: due gol, entrambi al 4 minuto dei due tempi di gioco, hanno sottolineato (come all’andata) che i Red Devils sapevano che il punto debole dell’Inter erano gli inizi di periodo. Vidic e C. Ronaldo con un doppio gol di testa hanno regolato i conti.

A Mourinho restano solo gli applausi dell'Old Trafford: adesso avanti tutta in campionati, altrimenti "zzzzero titoli"-

A Mourinho restano solo gli applausi dell'Old Trafford: adesso avanti tutta in campionati, altrimenti "zzzzero titoli"-

Mou che forse era troppo preso a preparare le dichiarazioni post partita, brucia il solito cambio: dentro Viera (do you remember Rivas in Inter – Manchester? Quel che pare, no!) che si perde il difensore n.15 che manda in fumo il piano catenacciaro del tecnico portoghese. Ovvio che quindi la prima sostituzione sia l’inserimento di Muntari (espressa richiesta del mister in sede di calcio mercato!); poi sinceramente Mario Balotelli in una partita così, impegnato pure lui a litigare col mondo e col pallone, a fare l’arrogante e soprattutto a subire lezioni di stile dal signor Cristiano Ronaldo. Perché non far giocare Mancini? Evidente è stato come il Manchester soffrisse gli inserimenti degli uomini senza palla e gli uno due sulle fasce, Balotelli che si estranea dal gioco per fare il solito cross a rientrare che frutto ha dato? Quì Mourinho si è fatto ingolosire: lui è uno “avanti” , quindi va all’Old Trafford con due punte e mezzo, che in realtà ne fanno mezza, ma poco importa.

Non mi è dispiaciuto Ibra: ottimo primo tempo, il gol del 2-0 l’ha mandato in tilt. Benissimo Stankovic e Cambiasso. Per finire la cronaca di questa gara: se Julio Cesar alla fine dei conti è l’uomo più determinate della squadra un motivo ci sarà; pure oggi che lo United ha giocato la sua sporca partita cinica l’estremo difensore nerazzurro è stato chiamato agli straordinari.

Tutti giù per terra quindi: si riparte dal + 7 interista in campionato, con Mourinho, che invece di domandarsi nonostante il super ingaggio di 10 milioni d’euro l’anno sia a meno “titoli” rispetto al suo precedessore Roberto Mancini (domanda da girare al presidente Moratti: a Massimo c’hai preso uno special…sì una 50 special!), ha dichiarato già chiuso. Probabile, l’anno scorso il Biscione di questi tempi viaggiava a + 11…

4 inglesi su 8, le restanti sono una tedesca, una portoghese e due spagnole. Se si esclude il Barca, saranno tra le reginette d’Europa squadre come Bayern Monaco, Porto e Villareal. A vedere in poltrona Ranieri, Mourinho e Spalleti col telecomando Sky in mano qualche rimpianto torno subito alla mente. Sorteggio malefico.

Addio Coppa dei Campioni, è stato un bel ricordo.

FedMin

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: