Emergenza annunciata

gennaio 30, 2009

Frane, smottamenti, emergenza.

maltempo

Queste sono ore frenetiche per la Calabria, in particolar modo per la provinca di Reggio, che vede venir giù un pò tutto: massi, montagne, tutti giù per terra. Bertolaso rassicura: faremo il possibile. Sempre che basti.

Inutile recriminare adesso che la nostra terra è instabile e perdipiù ci imprigiona in uno stato di assoluto isolamento. Ma, ora che tutto và storto, mi ritorna in mente un motivetto bistrattato in passato. Ad intonarlo fu, signori e signori, Silvio Berlusconi all’epoca alle prese con il suo II esecutivo, quando pronunciò le fatidiche parole inerenti i tagli suoi dipendenti forestali in Calabria.

Scoppiò il putiferio: tutti al loro fianco: come si è permette costui capitalista del nord ad attaccare il nostro sacrosanto diritto di mantere una famiglia? Eppure non ci aveva visto male.

Non addebito a loro quanto sta attanagliando la Calabria, bensì gravo su essi così come ad altri enti come Afor e Anas di essere stati ampliamente latenti nei loro interventi, sia quelli di primaria importanza, sia quelli più evidenti riguardanti al decoro pubblico.

Porto l’esempio classico dell’erbacce lungo i tratti autostradali (erbacce un eufemismo, visto i ramoscelli degli alberi che spuntano percorrendo quel che resta della SA – RC o della SS 106): questi piccoli tratti di incuria dimostrano come molti di questi operai specializzati in rilassatezza, prendano il proprio lavoro “alla leggera”.

(fonte Internet)

(fonte Internet)

Non voglio incappare in offese gratuite, né di fare di tutta l’erba un fascio (ruberei loro il lavoro), ma è palese come ci sia un’altra emergenza da fronteggiare: la mancata prevenzione negli interventi ordinari, spesso messi in conto dalle amministrazioni locali o dagli enti preposti, suona come una nota stonata che questa valanga di imprevisti ha reso come una clamoroso steccata.

I danni ingenti di questi giorni, potevano in qualche misura essere limitati. Invece restiamo ancora una volta gli ultimi nella classe. Sarà quel che sarà, ma ora più che mai risuona familiare l’antico detto: “Piove governo ladro”.

Annunci

Il Rosso e il Nero

gennaio 30, 2009
Copertina del giornale "Bella Ciao" (fonte Internet)

Copertina del giornale "Bella Ciao" (fonte Internet)

No, non mi sono dato alla letteratura.

Semplicemente osservo che due casi speculari in Italia ci rigettano nell’antica dicotomia politica che pareva esser finita in cantina. Invece quì c’è l’errore: altro che ideologie finite, altro che morte degli “ismi“. Il nostro Paese è covo fecondo di questi eversivi, che pilotano un messaggio politico purché diventi excusatio per la violenza, alla facca di Sorel e del suo credo.

Il Rosso.

Diciamoci la verità: i centri sociali sono i figli minori delle Br. Mio Dio, facciamo le debite distinzioni. Però chi di voi è entrato in questi luoghi sa che crescono (in questo momento il suono grow inglese mi rende familiare ciò che voglio dire) delle perversioni sociali e politiche al limite col paradossale. Sono gli stessi che adesso abbraccerebbero con calore Cesare Battisti. Avrà ragione Domenico Malara quando nel suo blog si interroga se il brigatista sia vittima di un inciucio di Stato?

La cosa che non mi spiego è perché il suddetto Battisti continui ad essere rinominato con l’etichetta “ex terrorista”. Ma perché esiste un prima o un dopo? Un pentimento? Il Cesare carioca continua a negare tutto, continua a dire che lui è vittima del sistema. Ma allora perché “ex”? Ma se così convinto di ciò di cui parla, perché penalmente non torna in Italia a farsi giudicare? Mi pare tanto si tratti dello stesso caso di Giovanni Strangio (vi raccomando un accortezza, del link leggete i commenti, sono gustosi!!), si professa innocente ma fugge dalla giustizia.

Il Nero.

Amo la semplicità, quindi la scelta dei colori che mi danno molto l’aria schematica del Così o Cosà, non devono offendere nessuno. Non voglio apparire populista e demagogico, lungi da me.

afp_13946864_285502Arriviamo al dunque: un’indagine svolta sul territorio italiano dimostra che quasi il 12% della cittadinanza prova un sentimento antisemita. Non voglio fare catastrofismo, però l’aria puzza e bisogna avvertirla questa sensazione: le crociate della Lega (che considero uno dei “partiti” più veri d’Italia, politicamente e non partiticamente parlando), ma anche tanti altre vicende di cronaca nera hanno indirizzato l’opinione pubblica a credere che il nemico sia lo straniero, il diverso.

Non sto quì a scrivere di proselitismo della multietnia, ma so bene che spesso il punto di vista sfoca se da lente di ingrandimento fanno solo gli atti di negatività. Mi spiego: siamo d’accordo che molti extracomunitari giungono in Italia belli e impacchettati per delinquere. Molto dipende dal sostrato che incontrano.

Chi vive a Reggio non può che sperare in una chiusura delle frontiere: quì l’unico desiderio è quello di sfruttare questi individui in preda alla disperazione (ma anche alla loro mente criminale). Apriamo gli occhi: è quello che è successo ai meridionali italiani in America, è quello che storicamente è successo coi Rom in Italia. Che i rumeni vivano in Italia una sorta di pax giuridica (il nostro ordinamento è una pacchia in confronto al loro) ne siamo tutti consapevoli e perciò richiediamo a gran voce più durezza nelle pene.

Però molta dell’industria manifatturiera italiana, per intenderci andate a Rosarno e vedete presso molte “fabbriche” chi ci lavora, va avanti solo grazie agli immigrati, spesso clandestini, spesso sottopagati, ma il più delle volte persone civili e per bene. Pigiare sul pedale dell’intolleranza è sbagliato. L’Italia è degli Italiani, ma ricordiamo che gli Italiani sono nel Mondo.

Bisogna diffondere la cultura della tolleranza, anche a sembrare scontati e fuoriluogo. Mi pare che il tempo delle “crociate” sia scaduto, perché impelagarci negli urli antisemiti ancora?

Dicotomico? Sì, grazie. Perchè politica = amministrazione della cosa pubblica. Non complichiamoci la vita.

Mi è sembrato carino chiudere questo pezzo molto “colorato”, con la nota di “costume” apparso ieri proprio durante il Chiambretti Night. Milingo’s wife show!


Mino Reitano: quando passione fa rima con musica all’italiana

gennaio 30, 2009

Si è spento nella sua abitazione di Agrate Brianza il 64enne cantautore di Fiumara

di Federico Minniti. Ne ha fatta di strada, questo è certo. Da Fiumara di Muro a Agrate Brianza, Mino Reitano ha staccato il biglietto per l’ultimo viaggio, quello per l’aldilà. Artista poliedrico, autore di grandi successi internazionali, è riconosciuto unanimemente come il caposcuola della canzone nazional popolare italiana. Conobbe il successo grazie alla canzone Avevo un cuore che ti amava tanto, che lo consacrò sullo storico palco del Cantagiro del 1968. Con i ricavati di quel boom di vendite comprò il ranch in Brianza, soprannominato Reitanopoli, senza scordare mai però le sue radici con la terra natia Fiumara, riuscì a collezionare quarant’anni di successi.  Mino Reitano fa sinonimo con passione, passione per la musica. Inizia sin da piccolo, quando iscritto al Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria, segue per ben otto anni lezioni di pianoforte, violino e  tromba. L’artista sente nell’aria il profumo di rivoluzione dei costumi musicali e decide di dedicarsi totalmente al rock’n roll, dove ottiene straordinari successi. Prima nella band composta assieme ai fratelli, poi da solista. Nel 1961 con il 45 giri contenente la canzone Non sei un angelo, appare per la prima volta su TV Sorrisi e Canzoni. Sarà l’anno della svolta: sbarcato in Germania sono frequenti le sue apparizioni con un gruppo di ragazzi di Liverpool, sono i “primi” Beatles. Il giovane Beniamino ritorna in Italia dopo un anno e mezzo. Prima Castrocaro, poi Sanremo lo rendono noto al grande pubblico. Nella sua carriera Mino Reitano scrisse per altri artisti diversi testi e arrangiamenti musicali di canzoni divenuti celebri: Il diario di Anna Frank per i Camaleonti, Una ragione in più scritta con Franco Califano per Ornella Vanoni, oltre al celebre LP, Mina canta Reitano e le sue fittissime collaborazioni col duo Battisti – Mogol. Questi sono gli anni delle tourneé mondiali, dei suoi Festivalbar e Canzonissima dove riesce sempre a piazzarsi ai primi posti, grazie al suo talento vocale e musicale. Sono gli anni, per intenderci, di Era il tempo delle more, Daradan, Dolce Angelo. Con l’avvento della TV si dedica alla composizione di diverse sigle musicali, soprattutto per i programmi condotti da Mike Buongiorno. Scrive anche un romanzo Oh Salvatore! e pochi anni dopo si iscrive all’albo dei cantautori immortali con il successo Italia. La sua voce evergreen riesce a rimanere in voga anche negli anni 2000, grazie al successo del suo ultimo singolo sanremese La mia canzone (2002). Negli ultimi anni dopo l’ironica apparizione, nei panni di sé stesso, nel film di Carlo Verdone, Sono pazzo di Iris Blond, ha dovuto abbandonare le scene per via della malattia. Prima di essere un grande artista, Mino Reitano nella sua carriera si è sempre dimostrato  un grande uomo che non ha mai dimenticato le sue umili origini e che ha sempre saputo coltivare amicizie sincere nell’ambito dello spettacolo, al punto di essere considerato unanimemente da tutti un grande della musica leggera italiana. Un uomo che ha portato alto l’onore della “sua” Fiumara, di Reggio e della Calabria intera, con grande orgoglio e soprattutto lavorando a testa bassa, con grande vigore e passione, ma rimanendo sempre una persona con la schiena dritta, capace di mostrare al mondo intero la faccia pulita dei calabresi.