Braccato

novembre 3, 2008

Giorni di tensione per il segretario regionale dell’UDC, Franco Talarico

foto liberatamente tratta da Internet

Sembra essere condannato a comparire tra le pagine scure della cronaca nera, Franco Talarico. Più genericamente potremmo dire, sembra essere condannato.

Secondo attentato nel giro di pochi giorni, nemmeno una settimana. Il terzo da quando fa politica, eppure, gli smaliziati potrebbero sostenere, è dell’UDC. Le agenzie diramate in questi minuti non danno scampo all’immaginazione: il consigliere regionale è nel mirino di “qualcuno“, ancora indecifrato, forse indecifrabile, che vuole colpirlo al cuore degli affetti familiari. Quanto meno lancia segnali inequivocabili.

La più solerte a darne notizia è l’ANSA, alle 21.20, che precisamente individua luogo e tempo dell’attentato. Siamo in località Ginepri, al confine col comune di Gizzeria. Nell’abitazione non c’è nessuno, questa è la casa al mare di Talarico e famiglia.

Puntuale arriva la teca, con le dovute precisazioni. Ancora ANSA, ore 21.38:

L’ordigno e’ stato collocato sotto un portico al piano terra dell’abitazione di Talarico.
Gli attentatori hanno collocato la bomba dopo avere scavalcato il cancello della recinzione della casa. L’esplosione ha provocato danni ad una porta finestra, i vetri della quale sono andati in frantumi. Danneggiata anche una parete, con la caduta di qualche calcinaccio.
Nello stesso plesso in cui c’e’ l’abitazione di Talarico ci sono le case estive del suocero, titolare di una tabaccheria a Lamezia Terme, e di tre cognati del segretario dell’Udc.
Sul posto, per il coordinamento delle indagini, si e’ recato il questore di Catanzaro, Arturo De Felice. I rilievi vengono fatti dalla Polizia scientifica, con la collaborazione dei vigili del fuoco.

Immediate non si fanno attendere le prime reazioni del mondo politico. I più solerti sono Pier Ferdinando Casini e Giuseppe Scopelliti.

Il leader dell’UDC pare abbia chiamato direttamente Roberto Maroni, per chiedere protezione per il segretario regionale del suo partito. Il Ministro dell’Interno, secondo indiscrezioni sempre marcate ANSA, pare abbia dato il suo incodizionato appoggio a questa manovra tutelare.

Il Sindaco di Reggio è stato il primatista nel rivolgere la sua vicinanza al collega politico estendendo all’intera città dello Stretto lo sdegno  « per il vile attentato di oggi e dei giorni scorsi, e spera che le autorità preposte, possano in tempi celeri, assicurare alla giustizia gli autori di questo crimine cosi efferato ».

Nessun commento da parte di Franco Talarico, nessuno monografia sulla sua carriera politica.

Poco da fare, maledettamente poco.

FedMin

n.a.: aggiornamento in tempo reale, ciò che non è palesato nell’articolo lo è perché successivo alla sua pubblicazione.


Tra prima e dopo

novembre 3, 2008

Hamilton si laurea campione del mondo in F1, Obama trepida per il giorno dei giorni

foto liberatamente tratta da internet

Non voglio apparire come un dicotomico razziale, assolutamente. Però mi va di cavalcare l’onda per un pò e fare delle analogie fuori luogo. Quì so di poterlo fare.

The day after

A Felipe Massa proprio non è andata giù. Ha sfiorato l’impresa in casa, nel suo Brasile. Ho sfiorato per un attimo le “ali dell’angelo del focolare” Ferrari, quel Senna che vinse e non c’è più. Questa volta Lewis Hamilton può festeggiare è lui il campione del mondo. Nessuna beffa, appena sfiorata. Ma il duro pilota anglosassone bandiera in spalle può felicemente cantare “We are the champions“. A lui il merito di aver ravvivato uno sport, la F1, troppo schumacherizzata , finalmente caratterizzata da sorpassi e gioco sporco. Purché vinca il pilota e non la macchina. Prova ne è che il gelido Raikkonen quest’anno si è dovuto accontentare di un posto da comprimario. Rivoluzione all’insegna della creatività sulla meccanica.

Un pò come dire del Progresso sul Conservatorismo.

The day before

Barack Obama dopo l’estenuante cavalcata di questi ultimi 2 anni è arrivato alla resa dei conti: l’America sceglierà tra lui o l’ex marines McCain. Un’elezione che ci vede molto da vicino. I Repubblicani al potere, confermerebbo la grande amicizia che vige tra il nostro paese e quello a Stelle strisce. E con i Democratici? Mi dispiace deludere i Veltroniani, che goffamente si crede l’Obama de Trastevere, mentre in realtà è anch’esso un ex comunista. I Democratici americani non sono ciò che ci vogliono far vedere chi in Italia li scimiotta, accaparrandosi anche il medesimo nome e slogan (speriamo per il buon Barack che non abbia lo stesso esito!).

Obama non è sicuro di vincere, prova ne è il video milionario mandato in onda a pochi giorni dal voto: i Democratici, da sempre collegati al AFL – CIO (riduttivamente i sindacati degli states ), paradossalmente sentono mancare l’appoggio proprio della classe operaia che incredibilmente pare essere orientata verso il voto repubblicano o comunque verso l’indecisione assoluta. Obama, che non sa se vincerà o meno, ha speso le ultime ore di campagna elettorale in North Carolina, da sempre feudo dei Repubblicani.

Obama non è Kennedy né Clinton, l’ombra lunga nell’opinione pubblica in USA del “nero comunista” (una sorta di “uomo del male” in quelle latitudini, multietniche ma non troppo!) sembra rosicare ora per ora il suo vantaggio su McCain.

Ieri Obama tifava per Hamilton, perché è consapevole che tenere la testa di una gara non è così semplice per come sembra.

FedMin