Concorsi. I soliti.

Concorsisti di tutta la Calabria, unitevi! Scandali su scandali non frenano le solite procedure, troppo note per essere scandalo. L’ultima mi è passata sotto il naso ieri sera. E allora ve la metto quì per iscritto: a Reggio c’è stato un concorso per assumere 60 vigili urbani. Vigili Urbani. Quì urge una parentesi, bella e grande. Sì, quegli stessi usiliari del traffico apparsi e poi scomparsi nel tempo breve di un elezione comunale. Nulla contro la giunta Scopelliti o l’Assessore Canale.
Una veranda sullo stretto a casa di amici. La serata sembra trascorrere liscia, così come scende giù quel buon vino rosso, c’è pure un vento leggero che ti accarezza la pelle.
Mio figlio è arrivarto 40esimo al concorso dei vigili, però non l’hanno preso.
Come i posti non sono 60?
Dicono che non trovano più la fotocopia della carta d’identità, necessaria come documentazione per sostenere il concorso. Qualcosa non quadra. Se il candidato ha svolto la prova di concorso, la documentazione doveva necessariamente essere a posto, sennò non avrebbe avuto il diritto di parteciparvi. Un cavillo troppo banale, comunque un errore “amministrativo”, mica del malcapitato concorsista! Lo sgomento è tanto. Almeno trovassero scuse più articolate per far entrare qualche figlio di compare. L’esposto alla Procura della Repubblica pare essere il minimo. Così è.
Vi ho documentato su un fatto davvero assurdo. Ho promesso di seguire il caso di questo sfortunato reggino che manco una volta passato il test del concorso, può ritenersi assunto, per un cavillo se così formulato, ha davvero dell’assurdo. Purtroppo siamo nella Regione dei concorsi fantasma e dei posti di lavoro di garantigia familiare, poco di nuovo da constatare. Poco di buono.

Technorati Profile

One Response to Concorsi. I soliti.

  1. Ale88 ha detto:

    Per una volta non penso male. Credo si tratti semplicemente di un errore, anche perchè chi mi ha parlato di questo concorso non ha menzionato vicende sospette o magheggi particolari, e lo ha fatto in assoluta buona fede.

    Ovvio che si tratta di una cosa grave. Servirebbe un bel ricorso al TAR (tribunale amministrativo regionale), per lesione di un interesse legittimo del cittadino da parte di un ente pubblico.

    Facci sapere come finisce 😉

Rispondi a Ale88 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: